Super Blizzard ‘Nemo’: 9 morti tra Usa e Canada, e domani arriva un’altra tempesta invernale

MeteoWeb

La super tempesta Nemo ha lasciato il nord-est degli Usa e ha raggiunto tre province del Canada, dove si registrano 2 morti per incidenti d’auto nel sud dell’Ontario. Negli Stati Uniti si comincia a fare la conta dei danni e a soccorrere le persone rimaste intrappolate a causa delle bufere di neve. Il numero di case senza corrente e’ sceso a 459.000. Il bilancio dei morti in incidenti collegati alla tempesta e’ di sette, di cui cinque in Connecticut, uno a New York e l’ultimo a Boston, un bambino di 11 anni. Il piccolo e’ stato avvelenato dal monossido di carbonio dei gas di scarico dell’auto che il padre aveva lasciato acceso per azionare il riscaldamento mentre spalava la neve attorno.
Intanto per lunedi’ e’ in arrivo una nuova tempesta invernale che portera’ bufere di neve e forti venti dal Colorado al Minnesota centrale. Saranno colpiti anche Nebraska, North Dakota, Wyoming e Wisconsin ma lo Stato che dovrebbe subira’ le maggiori conseguenza e’ il South Dakota. Gli aeroporti newyorchesi di La Guardia, John F. Kennedy e Newark, hanno ripreso a operare, sia pure con forti ritardi. A Boston sono ripresi gli arrivi e stanno lentamente per ripartire i decolli. Nella giornata di sabato i voli cancellati per la tempesta erano stati in tutto 2.000, venerdi’ 3.000. Ripresi i collegamenti ferroviari tra New York e Washington mentre restano sospesi quelli tra New York e Boston. In Massachusetts, dove sono caduti 60 centimetri di neve, e’ stato revocato il divieto di circolazione per le vetture private.