Uccisi dai bracconieri più della metà degli elefanti del Gabon

MeteoWeb

Piu’ della meta’ della popolazione di elefanti del Gabon e’ stata uccisa dai bracconieri dal 2004 ad oggi nonostante le misure di sicurezza e protezione adottate per provare a fermare il massacro. “Piu’ di undicimila elefanti sono stati uccisi dal 2004” ha spiegato in una nota Fiona Maisels della Wildlife Conservation Society. Il Gabon sulla costa occidentale dell’Africa centrale si ritiene ospiti oltre la meta’ dei quarantamila elefanti accolti nelle foreste del continente. Gli animali sono da sempre minacciati dai bracconieri in cerca di avorio. La caccia illegale all’avorio ha ridotto la popolazione di elefanti nelle foreste africane di due terzi dal 2004. “Nonostante i nostri sforzi, continuiamo a perdere tanti elefanti ogni giorno. Se non agiamo con la necessaria urgenza per interrompere questa strage, il futuro degli elefanti in Africa sara’ definitivamente compromesso” ha aggiunto Lee White a capo della national parks agency del Gabon nella stessa nota. “Abbiamo aumentato il numero di guardie forestali e potenziato l’organico dei parchi nel tentativo di fermare questo massacro criminale”. Il commercio illegale di avorio e’ in gran parte alimentato dalla domanda in Asia e nel Medio Oriente, dove le zanne di elefante e le corna di rinoceronte sono utilizzate per realizzare ornamenti e per la medicina tradizionale. A parte rare eccezioni, il commercio dell’avorio e’ illegale dal 1989 dopo che da milioni di elefanti nel ventesimo secolo si e’ passati ad una popolazione di circa seicentomila.