Cometa ISON: campagna osservativa dei telescopi spaziali dell’ESA e della NASA

MeteoWeb

La cometa ISON prosegue il suo viaggio verso il sistema solare interno, che culminerà nel suo incontro ravvicinato con il Sole il 28 novembre 2013. In quel momento la cometa passerà a soli 2,7 raggi solari dal centro della nostra stella, una distanza così piccola che determinerà una grande sublimazione del materiale ghiacciato più esterno di cui è composta. Scoperta nel Settembre 2012 dagli astronomi russi Vitali Nevski e Artyom Novichonok, C/2012 S1 potrebbe divenire la cometa più brillante del secolo. L’astro chiomato sarà oggetto di una vera e propria campagna di osservazione da parte delle sonde spaziali adibite alla visione del Sole, come la SOHO dell’ESA e della NASA e le sonde gemelle del progetto scientifico STEREO della NASA. Poche ore prima dal passaggio radente, i coronografi saranno puntati verso l’oggetto celeste, permettendo agli scienziati di valutare le condizioni del nucleo cometario. Il fortissimo calore della nostra stella, infatti, potrebbe anche disgregarne il nucleo, a conferma delle difficili previsioni che riguardano questi astri erranti del sistema solare. I ricercatori, attraverso queste osservazioni, sperano di poter affinare le stime orbitali.   

Credit: SOHO