Eruzione Etna, gravi danni per la caduta di cenere e lapilli a Giarre e in altri comuni etnei

MeteoWeb

Finita la dodicesima eruzione-lampo del 2013, comincia il bilancio dei danni procurati da cenere e lapilli lavici. L’Etna presenta un conto ‘salato’ ai Comuni alle sue pendici dopo la violenta attivita’ di ieri: il versante est del vulcano e’ stato sovrastato da una grandissima nube nera, causata dalla fase stromboliana del nuovo cratere di Sud-Est, che ha provocato una ”pioggia” sabbia nera e materiale piroclastico su numerosi paesi, mettendo a rischio anche la circolazione stradale. Un tratto di autostrada Catania-Messina, soprattutto nella zona di Giarre, e’ stata ricoperta da cenere lavica, con pietre nere che cadevano come chicchi di grandini su auto e persone. I violenti boati che hanno accompagnato quella che gli esperti dell’Ingv hanno definito la piu’ breve ma piu’ ‘energica’ eruzione dell’anno dell’Etna hanno fatto vibrare in maniera decisa i vetri di numerose abitazioni. In diversi comuni sono gia’ cominciate le ‘pulizie’, di strade, piazze, tetti, caditoie, tombini. Un lavoro infinito, visto che il vulcano sta rendendo sempre piu’ brevi i tempi tra un’attivita’ stromboliana e l’altra e che sta mettendo in ginocchio l’economia dei Comuni alle pendici dell’Etna, per gli alti costi degli interventi: diversi milioni di euro per eruzione.