Prosegue la lunga siccità nell’entroterra desertico egiziano, a Farafra le ultime gocce di pioggia risalgono al Gennaio 2009

MeteoWeb
Un tratto dell'affascinante deserto bianco egiziano con le sue particolari formazioni calcaree uniche al mondo

Prosegue la lunga siccità in vaste aree dell’entroterra desertico egiziano, dove ormai non si vede una sola goccia di pioggia da svariati anni. Molte stazioni meteorologiche non registrano più precipitazioni, degne di tale nome, da più di 5-6 anni, salvo rarissime eccezioni. In questi ultimi anni l’entroterra desertico dell’Egitto, assieme al deserto di Atacama e alle aree interne del Plateau antartico, è stato una delle aree più secche del nostro pianeta. Ma se analizziamo i dati si nota come in molte località dell’Egitto centrale e meridionale le brevissime fasi precipitative si siano praticamente ridotte all’osso. Ad Assuan, per esempio, l’ultima precipitazione degna di nota risale all’Ottobre 2012, quando dei brevi rovesci di pioggia lasciarono un accumulo, fra 1-2 mm. Poi nulla di significativo. Ma la vera anomalia pluviometrica la si riscontra molto più a sud, in pieno deserto. Difatti, progredendo verso sud, all’altezza di Farafra, nel cuore del fantastico deserto bianco egiziano (chiamato cosi per le sue spettacolari formazioni calcaree erose dal vento e dall’acqua), da anni non si vedono più precipitazioni ne nubi che possano portarle. E’ vero che stiamo parlando di uno dei posti più secchi di tutto il nostro pianeta, dove solitamente possono passare diversi anni prima di vedere un evento precipitativo degno di nota.

In genere in autunno e durante la stagione invernale la coda di qualche fronte freddo riesce a scendere fino al cuore del deserto egiziano, trascinando masse d’aria più fresche ed umide, dal Mediterraneo, che scontrandosi con l’aria più calda e secca preesistente in loco, nei bassi strati, possono originare degli annuvolamenti cumuliformi capaci di dare la stura a brevi rovesci di pioggia, o persino a dei temporali. Da alcuni anni il “getto sub-tropicale”, sempre più intenso sopra la fascia sahariana, con “Jet Streaks” (massimi di velocità del “getto” in alta quota) che pilotano questi impulsi umidi e instabili a latitudini più settentrionali, verso est, invece di lasciarli scivolare verso sud-est, coinvolgendo più direttamente la vastissima regione desertica egiziana. Sta di fatto che fino ad oggi, a Farafra, fino ad oggi l’ultimo temporale senza precipitazioni risale al 2011, mentre le ultime precipitazioni misurabili nell’area del deserto bianco, risalgono al Gennaio del 2009, anche se non viene segnato alcun tipo di accumulo, probabilmente solo tracce (meno di 1 mm). Da quel momento in poi non si sono più registrate precipitazioni.

I dati pluviometrici di Farafra, come quelli di molte stazioni limitrofe, lungo il deserto bianco egiziano, sono molto chiari. Poco lontano da Farafra sono diverse le stazioni egiziane rimaste a secco (0 mm) dal 2008 ad oggi. Con molta probabilità questa è una delle aree più secche dell’intero deserto del Sahara, fra le più secche al mondo dopo il deserto di Atacama. Negli ultimi anni però la fase siccitosa è stata ulteriormente enfatizzata dal ripetersi di pattern atmosferici su larga scala, caratterizzati da una sensibile intensificazione del “getto sub-tropicale” tra l’Atlantico tropicale, la vasta area sahariana e la penisola Arabica, con il passaggio di “Jet Streaks” sui 280-300 km/h a più di 9000 metri di altezza. Questi fiumi d’aria, ad altissima velocità, hanno spinto i sistemi frontali e le perturbazioni “barocline” a latitudini più settentrionali, impendendo di fatto un loro sconfinamento verso latitudini più meridionali. Tale configurazione ha caratterizzato anche la scorsa stagione invernale, con la persistente fase di “AO” negativa che ha contraddistinto i mesi di Febbraio e Marzo.