Spazio: la Russia manda in orbita una Soyuz zeppa di animali, rimarranno per un mese in orbita intorno alla Terra

MeteoWeb

Quarantacinque topi, 15 gechi, 8 gerbilli della Mongolia, 20 lumache, 15 lucertole, uova di pesce, microrganismi e piante in volo nello spazio grazie alla mitica Soyuz, come una futuristica arca di Noe’. Il lancio del razzo, con annesso il satellite scientifico “Bion-M”, e’ avvenuto alle 14.00 ora di Mosca (le 12 in Italia) dal cosmodromo kazako di Baikonur. Lo ha riferito il servizio stampa di Roskosmos, l’agenzia spaziale russa. Gli animali resteranno in volo un mese orbitando attorno alla Terra. Rischiando la vita, proprio come la cagnetta Laika nel 1957: il satellite potrebbe andar perso durante il volo. Per questo per i 45 topolini, divisi in gruppi di tre in diverse gabbie per tenerne a bada l’aggressivita’, sono gia’ pronte altrettante controfigure. Scopo dell’esperimento, spiegano gli scienziati dell’Istituto per i Problemi Biomedici dell’Accademia delle Scienze di Mosca coinvolti, e’ prelevare materiale biologico da analizzare per studiare i cambiamenti nei tessuti che si verificano negli animali che hanno volato nello spazio, in assenza di peso. Precedenti esperimenti di questo tipo sono stati effettuati con le scimmie. Quello con Laika fu il primo esperimento sovietico del genere, che precedette il primo volo spaziale umano, effettuato da Yuri Gagarin nel 1961. Il cane mori’ dopo poche ore nello spazio.