Valanga nel bresciano, un ferito

MeteoWeb

La slavina che si e’ staccata a circa 2.500 metri sopra Ponte di Legno, Brescia, ha travolto una persona che ha riportato la frattura di un arto, secondo la ricostruzione fornita dal Soccorso alpino e speleologico lombardo. Un gruppo di escursionisti, partiti da Ponte di Legno, si stava dirigendo dal bivacco Rigosa verso la Calotta, quando si e’ verificato il distacco che ha investito la comitiva. Sul posto l’eliambulanza del 118 di Sondrio, che ha trasportato a valle l’infortunato e un’altra persona che non poteva scendere perche’ aveva uno sci rotto. Pronte a partire anche le squadre a terra delle Stazioni di Temu’, Edolo e Ponte di Legno della V Delegazione Bresciana, oltre a tre Ucv (Unita’ cinofile da ricerca in valanga). Il Cnsas (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico) raccomanda la massima attenzione perche’ in questi giorni il rischio di valanghe e’ marcato (indice 3), come segnala il bollettino nivometeorologico di Arpa Lombardia, in aumento a forte (indice 4) a causa del forte rialzo termico in corso. Il manto nevoso, spiega il Cnsas, tende ad assestarsi rapidamente ma le resistenze interne rimangono basse. Per sabato l’attivita’ valanghiva spontanea sara’ associata a scaricamenti e valanghe anche di medie dimensioni, prevalentemente sui versanti soleggiati. Da domani, con l’ulteriore rialzo termico, a tutte le esposizioni potranno verificarsi molti distacchi spontanei di valanghe di medie dimensioni, localmente di grandi dimensioni sui percorsi abituali. Il distacco sara’ possibile con debole sovraccarico sulla maggior parte dei pendii ripidi.