Meteo, “estate -pazza” in Europa e negli Usa: previsioni preoccupanti, colpa dei cambiamenti climatici?

MeteoWeb

sandy-enter-useUn clima più che bizzarro si profila all’orizzonte: gli Stati Uniti potrebbero subire un’insolita stagione di uragani, mentre il caldo potrebbe non arrivare, quest’anno, nell’Europa occidentale, sostengono i meteorologi, e questo potrebbe essere “un anno senza estate ”, l’anno europeo più freddo degli ultimi 200 anni. Alcuni sostengono che stiamo cominciando a vedere gli effetti del cambiamento climatico.

GLI URAGANI

L’Amministrazione Nazionale Oceanica ed Atmosferica (National Oceanic and Atmospheric Administration, NOAA), un’agenzia federale statunitense che si interessa di meteorologia, nel suo rapporto stagionale sugli uragani, preannuncia una stagione di uragani al di sopra della norma con una probabilità del 70%, nella norma con probabilità del 25% e solo il 5% di possibilità che vi sia una stagione al di sotto della norma.

Ecco cosa ci si attende verosimilmente: da un minimo di 13 a un massimo di 20 cicloni; dai 7 agli 11 uragani; da 3 a 6 uragani tipo “major”; ed infine dal 120% al 205% di Energia Ciclonica Accumulata.

weatern-europe-weatherL’ESTATE PIU’ FREDDA DEGLI ULTIMI 200 ANNI NELL’EUROPA OCCIDENTALE

Per quel che riguarda l’Europa, questa primavera, se ancora vogliamo chiamarla così, è stata stranamente fredda nella quasi totalità d’Europa. E tutto ciò dopo degli inverni insolitamente più freddi.

E’ il maggior canale di meteorologia francese, Meteo, che annuncia il 70% di possibilità che questa estate porterà con sé delle temperature fredde e piogge da primato sulla maggior parte d’Europa. Ed è proprio a causa di questo che si comincia a parlare di “anno senza estate”, e torna alla mente l’evento analogo del 1816.

climate_changeE’ COLPA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO?

Uno tra tutti i giornali che inneggiano al cambiamento climatico, è il Wall Street Journal di Rupert Murdoch, con un approfondimento di appena due giorni fa: “Mark Wysocki, un climatologo dello stato di New York, afferma che la corrente a getto, funziona come le onde oceaniche. ’Alcune di queste sono piccole onde discontinue e si muovono molto velocemente, mentre a volte possono essere onde più consistenti che si creano gradualmente e si muovono lentamente. Mentre l’onda d’aria si dispiega, causa una serie di problemi. Le onde più grandi trasportano con sé grandi contrasti di temperatura, esponendo le aree a cambiamenti climatici sempre più drammatici. Ed è così che si addensano le tempeste e si ottengono piogge intense’. Il climatologo ha stimato che la Terra è stata interessata da un ciclo di grandi onde per almeno un anno. Sebbene i fattori siano molteplici e complessi ‘ci sono prove sufficienti che il riscaldamento globale possa portare a questo tipo di situazioni’. Il suo consiglio? ‘Abituatevi’”.

Per il giornale inglese The Guardian, parte del problema è lo scioglimento dei ghiacciai, conseguenza del cambiamento climatico: “Gli scienziati del clima hanno connesso le tempeste di neve e il peculiare clima primaverile britannico e di gran parte di Europa e Nord America, allo scioglimento dei ghiacciai del mare Artico. Secondo i ricercatori, lo scioglimento immette ulteriore calore nell’oceano e nell’atmosfera, e sposta la posizione delle correnti a getto – i fiumi d’aria d’alta quota che gestiscono la direzione delle tempeste e quindi il clima dell’emisfero nord. Il risultato è che l’aria fredda dell’Artico viene spinta man mano sempre più a sud”.