Questa sera l’eclissi anulare di Sole tra il Pacifico e l’Oceania: primo contatto alle 23:25

MeteoWeb
L’eclissi anulare di Sole

Questa sera, a partire dalle 23:25 (ora italiana), la Luna oscurerà il 95% del disco solare. L’evento, visibile (tempo permettendo) dall’Oceania e dal Pacifico, determinerà la spettacolare visione dell’anello di fuoco nel cielo, ed avrà il suo culmine alle 2:26 (ora italiana) della prossima notte (le ore 8:00 locali). Chiamata eclissi anulare di Sole, il fenomeno si verifica in quanto l’orbita della Terra è un’ellisse, così come quella della Luna, per cui le distanze tra i corpi non sono sempre uguali. Quando la Luna si trova nel punto più lontano della sua orbita rispetto al nostro pianeta (detto apogeo), ed i corpi sono allineati, essa occupa un diametro apparente troppo piccolo per poter oscurare l’intero disco solare. Questo ne determina una copertura parziale, che interessa la parte centrale del disco del Sole. Da qui l’evento dell’anello di fuoco nel cielo. Dopo l’eclissi anulare dello scorso 20 Maggio 2012 e l’eclissi totale del 13 Novembre 2012, ci sarà ancora una volta la possibilità di osservare i più importanti e influenti corpi celesti per l’umanità. Osserveremo in diretta come la Luna orbita intorno a noi ad una velocità di 3600 Km/h.

La Luna interposta tra la Terra ed il Sole

Ogni eclissi è un evento unico” dice Jay Pasachoff, astronomo al Williams College nel Massachusetts e presidente del gruppo di lavoro della Unione Astronomica Internazionale sulle eclissi. Pasachoff si è recato all’inizio di questa settimana proprio in Australia per osservare l’evento. Per l’astronomo si tratta della 56° eclissi della sua vita. Gli abitanti delle Hawaii, del sud delle Filippine, dell’Indonesia orientale, di parte dell’Australia, della Nuova Guinea e parte della Nuova Zelanda, osserveranno quantomeno un’eclissi parziale, mentre il percorso dell’anularità non sarà più vasto di 172 chilometri.  Questa che osserveremo non sarà l’unica eclissi solare del 2013. Il prossimo 3 Novembre, un’eclissi ibrida sarà visibile nel nord dell’Oceano Atlantico e dall’Africa Equatoriale. Per ulteriori dettagli sul percorso dell’eclissi e sulle modalità di osservazione, vi consigliamo la lettura degli articoli sottostanti.