Terremoto Emilia, meeting delle Misericordie: 1.200 volontari a Modena

MeteoWeb

Il Parco Enzo Ferrari di Modena ospita da domani a domenica, a un anno dal terremoto, il Meeting nazionale delle Misericordie d’Italia, il piu’ antico e uno dei maggiori movimenti di volontariato cattolico, 800mila ‘confratelli’ iscritti, 150mila dei quali impegnati attivamente in servizi di volontariato, dalla sanita’ al sociale, dalla protezione civile alle missioni internazionali. Cento volontari dell’Ugem (Ufficio Gestione Emergenze di Massa), che coordina la protezione civile delle Misericordie, sono gia’ all’opera per allestire il Campo che ospitera’ circa 1.200 ‘confratelli’ provenienti da tutta Italia per tre giorni di convegni, forum tecnici, incontri, ma anche esercitazioni, spettacoli, momenti di festa. Durante il Meeting, all’hotel Raffaello, si svolgera’ anche l’Assemblea nazionale con l’elezione degli organi e del presidente della Confederazione che riunisce le oltre 800 Misericordie in Italia. Tutti gli altri appuntamenti si svolgeranno nell’area allestita al Parco Ferrari, su 18.000 mq, che puo’ ospitare fino a 1.500 persone e fornire 3.000 pasti giornalieri. La costituzione di una Colonna mobile nazionale di protezione civile della Confederazione delle Misericordie e’ iniziata proprio in occasione dei soccorsi dopo il terremoto di un anno fa in Emilia ed e’ la prima volta che il Campo viene montato e diviene operativo nella sua interezza. Al Meeting e’ prevista la presenza, tra gli altri, del fondatore della Comunita’ di Sant’Egidio ed ex ministro Andrea Riccardi, del capo della Protezione Civile Franco Gabrielli, del Presidente del Centro nazionale del volontariato Edoardo Patriarca.