Aggiornamento sulla cometa C/2012 S1 (ISON)

MeteoWeb

Una immagine digitale in banda rossa, falso colore, presa dal telescopio da 1.5m di diametro all'Osservatorio Leopold Figl del dipartimento di astrofisica di Vienna (Austria), al 10 aprile 2013 dal Dott. Mattia A. Galiazzo insieme al Prof. Dr. Werner W. Zeilinger.
Una immagine digitale in banda rossa, falso colore, presa dal telescopio da 1.5m di diametro all’Osservatorio Leopold Figl del dipartimento di astrofisica di Vienna (Austria), al 10 aprile 2013 dal Dott. Mattia A.
Galiazzo insieme al Prof. Dr. Werner W. Zeilinger.

Di Mattia Alvise Galiazzo – La cometa C/2012 S1 (ISON) é attualmente alla distanza di 640 milioni di chilometri (4.288 AU) dalla Terra. Passerà al perielio verso la fine di Novembre e diverrà visibile pure ad occhio nudo. Secondo i dati JPL-horizon sarà visibile in Italia, solo il mattino presto e bassa all’orizzonte per breve tempo, raggiungendo una magnitudine pari a circa 4.2 magnitudini nel visibile (ricordando però che sono proiezioni e siccome l’attività della cometa potrebbe cambiare drasticamente, non sono ancora misure sicure. Certo, se la cometa mantenesse la presente attività, allora la luminosità  pronosticata sarebbe quella calcolata). Al 10 aprile aveva una luminosità nel rosso che si aggirava attorno alle 16.7 magnitudini. La cometa sembra presentare una certa frammentazione secondo alcune misure effettuate dai due astronomi del dipartimento di astrofisica austriaco, ma ulteriori osservazioni sono richieste per una eventuale conferma. Per maggiori dettagli, un articolo a cura di Mattia A. Galiazzo e Werner W. Zelinger uscirà presto sul numero estivo della rivista americana ALPO (http://alpo-astronomy.org/index.htm). Per ulteriori informazioni si prenda visione anche sul seguente link: Institut für Astrophysik.