E’ possibile prevedere i terremoti? Tra scienza e leggende, proviamo a fare chiarezza

MeteoWeb

deep-sea-earthquake-1-image009Tracciare le scosse lievi e impercettibili con la tecnologia avanzata potrebbe aiutare gli scienziati a prevedere la prossima scossa devastante“, afferma Maya Tolstoy, geofisica al Lamont-Doherty Earth Observatory a New York.

Raccogliendo la documentazione dei sismometri sul fondo dell’oceano, i ricercatori possono monitorare le piccole scosse nelle profondità dell’oceano. Queste scosse sono innescate dall’espandersi e dal contrarsi del fondale marino, cosa che avviene giornalmente.

E’ come se il fondale respirasse“, afferma l’esperta, la quale ritiene che questi eventi “potrebbero aiutare i ricercatori a capire quando il prossimo terremoto-tsunami potrebbe avere luogo.

Piazzare sismometri sulle dorsali oceaniche potrebbe aiutare ricercatori come Tolstoy a capire quali zone della Terra rischiano di dover fronteggiare grandi terremoti, prima o poi, nel futuro relativamente prossimo, osservando quanto queste aree sono sottoposte a stress col passare del tempo.

Previsione, non profezia

terremoto_11_marzo_2011I terremoti più rilevanti, generatori di tsunami, vengono prodotti quando il confine tra una placca oceanica e una continentale (chiamata zona di subduzione) è sottoposta a tensione. La placca oceanica spinge al di sotto della placca continentale, fino a scivolare l’una sotto l’altra, spostando grandi quantità d’acqua che possono creare uno smottamento che assume la forma di tsunami. Questo è ciò che è accaduto nel terremoto-tsunami che ha colpito il Giappone nel 2011.

Mentre i piccoli eventi non causano necessariamente terremoti rilevanti, studi hanno mostrato che le piccole scosse possono danneggiare ulteriormente una faglia già sottoposta a stress. “Se gli scienziati posizionassero strategicamente i sismometri sul fondo dell’oceano, potrebbero monitorare placche sensibili prima che franino“, continua la geofisica.

Non si tratta di profezie… E’ previsione di terremoti” sostiene la Tolstoy. “La differenza risiede nel fatto che se si profetizza, si afferma che un terremoto si terrà in un preciso luogo, in un preciso momento, e avrà una certa magnitudine. Le previsioni di terremoti, sono come le previsioni del tempo. Invece di uscirsene fuori con una data e un’ora precisa in cui l’evento avrà luogo, i ricercatori tentano di stimare con una verosimiglianza approssimativa, che un terremoto avrà luogo nei prossimi 30 o 50 anni.

deep-sea-earthquake-2-image010

Alta tecnologia in alto mare

La geofisica Maya Tolstoy si serve di sismografi dal lontano 1994. A quel tempo i macchinari potevano collezionare dati per soli due mesi, mentre oggi possono arrivare a oltre un anno. Ciò dà la possibilità di osservare come il fondale marino cambia e si trasforma, ma allo stesso tempo si va incontro a questioni del tutto uniche: piazzare i sismometri vicino a luoghi molto sensibili, con alta attività vulcanica, spesso ha causato danni irrimediabili alle apparecchiature, rimaste circondate e avvolte dalla lava.