Ambiente: indagini sugli scarichi in mare a Rimini, vengono aperti anche d’estate quando non piove!

MeteoWeb

riminiGli scarichi a mare delle fogne della citta’ di Rimini, in estate, vengono aperti anche se non piove. A questa conclusione sono arrivati i consulenti, incaricati dalla Procura della Repubblica che nel settembre del 2011 ha aperto un fascicolo d’indagine per lesioni personali colpose, getto di cose pericolose, epidemia colposa per diffusione di germi patogeni e delitti colposi contro la salute pubblica. La relazione tecnica, che non e’ ancora stata depositata, farebbe riferimento a due episodi nell’estate del 2010 e nell’estate del 2011, in cui le acque reflue sono state scaricate a mare in assenza di precipitazioni. La cosa potrebbe determinare una svolta nelle indagini che ancora non vedono alcuno iscritto nel registro degli indagati, perche’ in base al sistema fognario riminese le paratie che portano le fogne al mare si dovrebbero aprire solo in presenza di abbondanti piogge per scongiurare il rischio di allagamento dell’intera citta’. Saranno sempre le perizie tecniche sul deflusso delle acque a fare in parte chiarezza sul perche’ lunedi’ 24 giugno alcune zone di Rimini, compreso il centro storico, sono state letteralmente sommerse dall’acqua in seguito a piogge torrenziali. Perizie che la Procura di Rimini, che ha aperto sia un fascicolo per disastro colposo e attentato alla sicurezza dei trasporti, sia uno per omicidio colposo dopo la morte di un’anziana per annegamento nella propria abitazione, ha commissionato per individuare eventuali responsabili. Al momento entrambi i fascicoli sono a carico di ignoti.