Montagna: tre alpinisti soccorsi nella notte sulle Tre Cime di Lavaredo

MeteoWeb

tre cime di lavaredoIntervento nella notte sulle Tre Cime di Lavaredo. Il soccorso alpino di Auronzo e’ stato allertato ieri sera alle 22.15 dal 118 per un’emergenza sulle Tre Cime di Lavaredo. Sulla Grande, infatti, un centinaio di metri sotto la cengia alta, 2.800 metri circa di quota, tre alpinisti, forse austriaci, investiti dalla tempesta, avevano lanciato segnali luminosi di sos con la pila, visti dal gestore del rifugio Locatelli che aveva lanciato l’allarme. I soccorritori sono quindi riusciti a contattarli telefonicamente e i rocciatori hanno detto di non essere assolutamente in grado di bivaccare, senza abbigliamento e attrezzatura, completamente fradici. Una squadra del Soccorso alpino di Auronzo e’ quindi partita per la cima della Grande assieme a una di Dobbiaco e a personale della Forestale. I soccorritori hanno risalito la normale e sulla verticale con i tre, si sono calati per poi farli risalire fino alla cengia alta. Riscaldati con bevande calde e vestiti asciutti, i tre alpinisti sono rimasti le ultime ore con la squadra di Dobbiaco, mentre quella di Auronzo rientrava a valle, fino alle 7 quando e’ intervenuto l’elicottero dell’Aiut Alpin Dolomites di Bolzano che li ha recuperati. Questa mattina, inoltre, l’eliambulanza del Suem di Pieve di Cadore e’ decollata in direzione del rifugio Chiggiato, nel comune di Calalzo di Cadore, dove si trovava un bimbo di 10 anni di Pieve di Cadore, che, cadendo, si era fatto male alla spalla. Il bambino e’ stato trasportato all’ospedale di Belluno per le cure del caso.