Spazio, Parmitano: “ringrazio tutti per avermi avuto nei pensieri”

MeteoWeb

parmitano07Ringrazio tutti per avermi avuto nei loro pensieri“. Per rassicurare tutti dopo il grave inconveniente emerso nel corso della seconda attivita’ extraveicolare nello spazio, l’astronauta italiano Luca Parmitano ha inviato un messaggio via twitter. Sono stati minuti di tensione quando Parmitano comunicava al centro di controllo della Nasa di Houston che la sua nuca era notevolmente bagnata. Inizialmente il cosmonauta siciliano, maggiore e pilota sperimentatore dell’Aeronautica militare, credeva in un’eccessiva sudorazione ma il casco era invaso dal liquido. Luca Parmitano aveva comunicato: “Ho tanta acqua nel casco, l’ho assaggiata e non si tratta di acqua potabile“. parmitano03Il centro operativo ha allora ordinato all’astronauta italiano e al suo collega Chris Cassidy l’immediato rientro all’interno della Stazione Spaziale Internazionale attivando la procedura d’urgenza. Una volta entrati nella camera di decompressione, prima Parmitano e poi Cassidy, sono entrati all’interno della zona abitabile della Iss. Il primo ad essere soccorso e’ stato l’italiano. La prima ad occuparsi di Luca e’ stata la statunitense Karen LuJean Nyberg che ha asciugato la testa ed il viso di un Parmitano stanco e, solo nel primo momento, comprensibilmente un po’ preoccupato. Successivamente si e’ tolto il pesante scafandro bianco e ha parlato e sorriso con Cassidy e gli altri componenti della Stazione Spaziale Internazionale. A costringere l’interruzione del secondo Skywalk di Parmitano e’ stata l’improvvisa fuoriuscita di acqua potabile – circa mezzo litro – che serve ai cosmonauti per bere durante le lunghe EVA e che si trova in una tasca (“drink pack”) dello zaino dell’astronauta.