A Baltimora i pesci sono costretti a diventare vegetariani!

MeteoWeb

pesciAnche i pesci – per la grande maggioranza carnivori – possono diventare vegetariani. Almeno a Baltimora, in Maryland, dove tre ricercatori, Aaron Watson, Frederic Barrows e Allen Place, hanno trovato, al termine di uno studio durato quattro anni, il modo per far sì che i cobia, una specie di pesci carnivori d’allevamento, rinunciassero alla carne. A raccontare la vicenda è il Washington Post. Convertire la dieta dei pesci da carnivora a vegetariana eviterebbe – secondo il Center for Environmental Science dell’Università del Maryland – la scomparsa dei piccoli pesci che abitano nell’oceano (menadi, acciughe e sardine), oggi utilizzati nell’acquacoltura, per nutrire quelli d’allevamento. Secondo la National Oceanic and Athmospheric Administration (Nooa) – l’ente federale statunitense preposto allo studio degli oceani e dell’atmosfera – l’industria ittica non sarebbe infatti in grado di soddisfare la richiesta di pesci avanzata da un miliardo di esseri umani e, allo stesso tempo, di nutrire i pesci d’allevamento. Tuttavia, ha assicurato il responsabile di un programma di ricerca sull’acquacoltura del Noaa, Michael Rust, grazie a metodi di nutrimento alternativi, sul mercato contiueranno ad esserci pesci in abbondanza. “Tutti i pesci, che siano carnivori, erbivori o onnivori, hanno bisogno di assumere circa 40 nutrienti”, spiega Rust nel sito Internet del Nooa. “Non importa da dove provengano: è possibile creare nutrimento combinando una varietà di prodotti vegetali, senza che sia necessario che si cibino dei pesci catturati negli oceani”.