A Geoitalia 2013 i risultati degli studi di macrozonazione simica e liquefazione di Abruzzo ed Emilia

MeteoWeb

Geoitalia 2013A Geoitalia 2013, kermesse dedicata alle Geoscienze, organizzata dalla Federazione Italiana di Scienze della Terra, con l’arrivo di 1500 scienziati da tutto il mondo a Pisa dal 16 al 18 Settembre, verranno presentati i nuovi studi sul terremoto de L’Aquila e su quello del 2012 in Emilia – Romagna. “Metteremo a confronto i risultati di studi condotti – ha affermato Sara Amoroso, ricercatrice INGV con metodologie innovative, su tali terremoti. Per quanto riguarda l’Abruzzo mostreremo i risultati degli studi di microzonazione sismica dal primo al terzo livello, sia già effettuati che tuttora in corso, secondo quanto previsto dalle normative nazionale e regionale vigenti. Di particolare interesse saranno gli approfondimenti che verranno presentati per il centro storico de L’Aquila , dove gli effetti locali e gli effetti di sito hanno influenzato la risposta sismica dell’area investigata” . “Per quanto riguarda l’Emilia – ha affermato Gabriele Tarabusi, assegnista INGV – illustreremo lo stato di avanzamento degli studi di microzonazione sismica avviati a seguito del sisma del 2012 , che saranno alla base del processo di ricostruzione e della futura pianificazione territoriale , con approfondimenti specifici riguardanti il diffuso fenomeno della liquefazione dei terreni. La microzonazione sismica oggi e’ uno strumento fondamentale per la mitigazione del rischio sismico perche’ consente di evidenziare e mappare in estremo dettaglio le aree potenzialmente soggette ad amplificazione del moto sismico e quelle in cui sono attesi fenomeni di instabilità, quali frane e liquefazione dei terreni”.