Allarme aviaria a Ostellato (Ferrara), via all’abbattimento di 128.000 galline: ci vorranno 5 giorni

MeteoWeb

CINA: PREOCCUPAZIONE PER AVIARIA E MAIALI MORTI A SHANGHAICominceranno nel tardo pomeriggio di oggi le operazioni di abbattimento delle 128.000 galline ovaiole dell’allevamento di Ostellato (Ferrara) colpito dal virus dell’influenza aviaria, con un ceppo ad alta virulenza del tipo H7. A darne conferma all’ANSA il sindaco di Ostellato, Andrea Marchi: ”Gli abbattimenti cominceranno nel tardo pomeriggio, semplicemente per ragioni di clima, visto che gli operatori sono bardati ed e’ necessario che la temperatura si abbassi di qualche grado”. L’ordinanza di abbattimento e’ firmata proprio dal sindaco Marchi, in qualita’ di autorita’ sanitaria del Comune: ”Abbiamo fatto un calcolo con la ditta individuata dalla Regione e saranno necessari alcuni giorni per portare a termine l’abbattimento – spiega Marchi -. Il numero e’ elevato inoltre sono galline all’interno di capannoni, e quindi c’e’ anche una capacita’ di spostamento ridotta. Contiamo comunque in 4-5 giorni di concludere l’operazione”. ”Come salute pubblica siamo abbastanza tranquilli – prosegue il sindaco -. Anche l’ordinanza che e’ molto incisiva: sterminare l’intero allevamento. Ma e’ incisiva proprio a scopo precauzionale per contenere al massimo qualsiasi possibilita’ di contagio ed estensione. La capacita’ di trasmissione e’ remota, non lo dico io, ma lo dicono fonti accreditate. Al momento sono sotto sorveglianza stretta anche i sei lavoratori della ditta, che per ora non hanno alcun virus. Posso dire che la situazione e’ molto sotto controllo e posso solo dire bene delle autorita’ regionali e dell’Ausl di Ferrara che hanno dimostrato tempestivita’, professionalita’ e competenza invidiabili”. L’azienda da l’altro ieri, quando si e’ manifestato il sospetto della malattia, e’ stata immediatamente isolata. La Regione ieri ha emanato un’ordinanza per l’attuazione di misure straordinarie previste dalla normativa sanitaria europea e nazionale per il contenimento dell’infezione, il monitoraggio degli allevamenti, per la tutela della salute pubblica, sotto lo stretto coordinamento dell’ assessore alle politiche per la salute Carlo Lusenti, dell’ assessore all’agricoltura Tiberio Rabboni e della vicepresidente Simonetta Saliera. Le misure volte alla prevenzione della diffusione del virus prevedono tra l’altro l’istituzione di zone di protezione e sorveglianza dell’area colpita, il censimento di tutte le aziende e degli animali presenti, prelievi e accertamenti sierologici da parte dei veterinari, controlli straordinari su tutto il territorio regionale e la sospensione di fiere e mercati di animali di specie vulnerabili.