Allerta meteo, avviso ai naviganti: improvviso rinforzo dei venti di maestrale tra isole maggiori, basso Tirreno e Ionio

MeteoWeb

wavec21Nelle prossime ore il notevole rinforzo della ventilazione dai quadranti settentrionali rappresenterà la definitiva cacciata della soffocante calura africana dal territorio italiano. Già a partire dalle prossime ore il transito di uno pseudo fronte freddo, lungo il medio-basso Tirreno, rafforzerà la ventilazione da NO tra i Canali delle isole e il basso Tirreno, favorendo un improvviso aumento del moto ondoso, specie fra il Canale di Sardegna e il Canale di Sicilia, dove il mare passerà da mosso a molto mosso, con onde di “mare vivo” alte fino a 1.5-2.0 metri a largo delle coste sarde occidentali e dalla sera anche sul Canale di Sicilia. Il moto ondoso, dal pomeriggio/sera, aumenterà pure sul basso Tirreno, pronto a presentarsi mosso, fino a molto mosso nel tratto più occidentale, fra l’isola di Ustica e la costa trapanese.

L’aumento della ventilazione e del moto ondoso rappresenterà qualche disagio per le piccole barche a vela, catamarani e yacht che in questo periodo affollano i nostri mari. In tale situazione, per le piccole imbarcazioni, è consigliabile ripararsi sottovento attorno a calette o su tratti di costa ridossati ai venti da NO e O-NO. I venti più intensi, da NO e O-NO, fra pomeriggio e sera investiranno il mar di Sardegna, Canale di Sardegna e Canale di Sicilia, dove il vento potrà toccare picchi di 50-60 km/h ed il mare sarà più duro da navigare per le piccole imbarcazioni. Entro sera le correnti di ponente e maestrale si spingeranno fino alle Eolie e allo Ionio, con raffiche a tratti anche sostenute. La ventilazione settentrionale, con una prevalente componente nord-occidentale, andrà gradualmente ad attenuarsi già dalla mattinata di domani, spirando moderatamente solo fra mar di Sardegna, Canale di Sardegna, basso Tirreno, Canale di Sicilia, Canale d’Otranto e mar Ionio, con mari ancora mossi, fino a localmente molto mossi a largo mar di Sardegna, Canale di Sardegna e Canale di Sicilia.