Anche in Trentino Alto Adige si prevede un’ottima vendemmia

MeteoWeb

vendemmiaQualita’ ottima e quantita’ in linea con le produzioni regionali, dopo la pesante riduzione di circa il 20% avuta nel 2012 a causa del freddo. Sono queste le previsioni per la vendemmia di quest’anno. Considerazioni e dati tecnici, anticipati da Fabio Toscana, presidente dell’Associazione Enologi Enotecnici Italiani sezione Trentino, saranno presentati oggi presso l’Istituto Agrario di San Michele all’Adige, nel Trentino, nell’annuale incontro prevendemmiale. Il meteo e’ stato il grande ‘osservato speciale’ in questi ultimi mesi: ”Il fatto che le viti siano state bagnate per molte settimane consecutivamente tra maggio e giugno – sottolinea Toscana – come non succedeva negli ultimi trent’anni, non ha minimamente inciso sul risultato finale, considerato il caldo stagionale registrato nei mesi estivi, che ha permesso una buona maturazione”. A far da apripista saranno, come di consueto, il Pinot Grigio, lo Chardonnay e il Muller in collina. Seguiranno a distanza di almeno 15 giorni i rossi come la Schiava, il Teroldego e il Marzemino nelle zone meridionali del Trentino. Un’annata, questa, caratterizzata anche da una violenta grandinata che ha colpito la bassa Atesina e la Valle di Cembra, dove comunque i danni si sono in qualche modo ridimensionati grazie al caldo, che ha permesso a viti e grappoli di riprendersi. Il lavoro certosino dei contadini durante il diradamento che prosegue tutt’ora ha inoltre evitato agli acini danneggiati di intaccare tutto il grappolo, limitando quindi le quantita’ rovinate.