Clima: gli squali sono anche meteorologi, “prevedono” le tempeste più pericolose

MeteoWeb

Squalo biancoGli squali sono in grado di percepire con estremo anticipo l’arrivo di pericolose tempeste, secondo uno studio dell’Universita’ di Aberdeen. La speciale sensibilita’ aiuta gli animali a mettersi al riparo a tempo debito nelle acque piu’ profonde, evitando di poter cadere vittima delle correnti degli uragani in superficie ed essere gettati a riva o contro gli scogli dal vento. Le particolari abilita’ “meteorologiche” dipendono dagli stessi sensori che i grandi predatori marini utilizzano per individuare le prede in acqua. Gli squali posseggono, infatti, una serie di sensi altamente raffinati, uno tra tutti, la cosiddetta linea laterale, composta da organi ricettori posti lungo i fianchi, che permettono di percepire anche le piu’ piccole variazioni di pressione nell’acqua. La strategia li aiuta a rilevare la presenza di minacce e prede. Adesso un nuovo studio condotto dall’Universita’ di Aberdeen, riporta il Daily Telegraph, ha dimostrato che i ricettori riescono a rilevare anche i cali della pressione atmosferica associabili ad imminenti tempeste o uragani.