Domani inizia la grande vendemmia della Franciacorta: “sarà un’ottima annata”

MeteoWeb

vendemmia_chianti_naif”La Franciacorta e’ pronta alla vendemmia. Domani cominceranno a raccogliere le uve un gruppo ristretto di aziende che apriranno ufficialmente ‘le danze’. Anche quest’anno i primi vigneti a raggiungere la giusta maturazione sono stati quelli localizzati sul versante esposto a Sud del Monte Orfano grazie ad un microclima piu’ favorevole. La raccolta nei prossimi giorni si spostera’ gradualmente verso est e verso nord interessando tutta la Franciacorta”. E’ quanto si legge in una nota del Consorzio Franciacorta. ”Quest’anno i carichi produttivi in termini di numero di grappoli e pesi medi non sono elevati a causa di un brusco abbassamento delle temperature notturne durante la delicata fase della fioritura. Le stime indicano carichi medi di 80-90 quintali per ettaro di uva destinata alla produzione di Franciacorta (Chardonnay, Pinot Bianco e Pinot Nero), su una superficie rivendicata di 2.800 ettari”, spiega Silvano Brescianini, vicepresidente del Consorzio Franciacorta con delega tecnica.
vendemmia”I tecnici del Consorzio Franciacorta riferiscono che la ripresa vegetativa della vite quest’anno e’ avvenuta con un po’ di ritardo rispetto alla media storica del periodo, intorno alla meta’ di aprile, a causa delle condizioni metereologiche instabili dell’inverno e della primavera stessa. Fin dall’inizio, il 2013 si e’ dimostrato l’anno piu’ freddo e piovoso degli ultimi dieci determinando un prolungamento della dormienza, tanto che, non appena la temperatura si e’ alzata, e’ stato riscontrato il germogliamento in tutta la Franciacorta, senza distinzione di zone o varieta”’, prosegue la nota. ”All’inizio del mese di maggio, quando i germogli avevano uno sviluppo compreso tra i 10 e 15 cm, si e’ verificata una grandinata piuttosto violenta che ha causato in alcune zone perdite nella produzione potenziale. Piovosita’ e sbalzi termici sono proseguiti anche successivamente decretando quella del 2013 come una delle primavere piu’ difficili degli ultimi anni”, prosegue il Consorzio Franciacorta. ”Nel mese di luglio, fortunatamente, il tempo si e’ stabilizzato e le condizioni metereologiche positive hanno favorito il completamento dell’invaiatura e la corretta maturazione delle uve. Il 2013 sara’ ricordato come un anno caratterizzato da una maturazione delle uve piu’ tardiva -continua Silvano Brescianini-. Una condizione per noi vantaggiosa perche’ le uve saranno raccolte a temperature piu’ fresche, fondamentali per l’evoluzione dei profumi e il raggiungimento del corretto equilibrio acidico”. ”Le prime analisi sulle uve promettono una buona annata ma, come sempre, il bilancio di questa vendemmia sara’ chiaro solo fra qualche mese, quando saranno pronti i vini base. Il 2013 si prospetta in generale positivo per noi anche nelle vendite -conclude Brescianini-.Ci auguriamo che il trend positivo continui”.

vendemmiaLA COLDIRETTI: “OTTIMA ANNATA” – Parte domani la vendemmia in Franciacorta, in quella che si preannuncia una ”buona annata”. La raccolta dell’uva partira’ inizialmente nella zona del bresciano che ha un microclima piu’ favorevole, a sud del monte Orfano. ‘Le prime analisi sulle uve – ha spiegato il vicepresidente del Consorzio Franciacorta Silvano Brescianini – promettono una buona annata ma, come sempre, il bilancio di questa vendemmia sara’ chiaro solo fra qualche mese, quando saranno pronti i vini base”. Certo e’ che la maturazione piu’ tardiva, dovuta all’annata fredda e piovosa, sara’ ”una condizione vantaggiosa perche’ le uve saranno raccolte a temperature piu’ fresche, fondamentali per l’evoluzione dei profumi e il raggiungimento del corretto equilibrio acidico”. ”Il 2013 si prospetta in generale positivo per noi anche nelle vendite – ha concluso Brescianini – Ci auguriamo che il trend positivo continui”.