E’ caccia alle stelle cadenti in vista della notte di San Lorenzo

MeteoWeb

stelleDurera’ cinque notti la lunga battuta di caccia alle stelle cadenti, che si aprira’ domani con la tradizionale notte di San Lorenzo e si protrarra’ fino a Ferragosto. Si preannunciano le migliori condizioni astronomiche per questo spettacolo che raggiungera’ il culmine nella notte tra lunedi’ 12 e martedi’ 13 agosto. E se il meteofara’ i capricci velando il cielo di nuvole, bastera’ accendere la radio per ‘sentire’ le meteore anziche’ vederle. In queste notti la Luna rimarra’ defilata e la sua luce non disturbera’ la pioggia delle Perseidi (meglio note come lacrime di San Lorenzo), che illumineranno il cielo dal termine del crepuscolo serale fino alle prime luci dell’alba. Il momento di migliore visibilita’ sara’ dopo la mezzanotte, quando la costellazione di Perseo, a nord-est, raggiungera’ una buona altezza sull’orizzonte. Se le nuvole dovessero oscurare il cielo, nessun problema: gli esperti dell’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf) spiegano che basta sintonizzare la radio su una stazione FM distante per percepire il loro passaggio. Il segnale radio normalmente distorto, infatti, diventa improvvisamente chiaro dopo essere rimbalzato contro la scia della meteora che attraversa l’atmosfera terrestre. Come ogni anno, e’ prevista una maratona di eventi in tutta Italia, come la manifestazione ‘Calici di stelle’ promossa dall’Unione astrofili italiani (Uai), e la ‘Notte con le stelle’ nella Valle dei Templi di Agrigento con l’astronauta Paolo Nespoli.