Geyser a Fiumicino: continuano a fuoriuscire gas naturali dal terreno

MeteoWeb

geyser fiumicinoPermane sotto controllo la situazione presso la rotatoria di Coccia di Morto a Fiumicino, dove da sabato scorso c’e’ una fuoriuscita di gas naturali dal terreno. Sul posto rimane fisso un presidio della polizia locale, anche per evitare rallentamenti alla viabilita’ causati dai curiosi, com’e’ accaduto nel week-end, seppure l’area prossima al “geyser” e’ stata transennata con una recinzione di tela oscurante alta due metri circa, che permette a malapena la visione del gas, assai ridotto ormai. Sono stati affissi dei cartelli che avvertono i cittadini di non avvicinarsi. “Desidero ringraziare – dichiara l’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Fiumicino Angelo Caroccia – gli uomini e le donne dei Vigili urbani e della Protezione civile che, alternandosi, stanno pattugliando la zona per agevolare il normale defluire del traffico e che continueranno a farlo. La fuoriuscita di gas naturale appare in diminuzione. In ogni caso continueremo a monitorare la situazione anche nei prossimi giorni”. Non si placa, invece, la polemica politica sull’accaduto che ruota sui presunti carotaggi del terreno: “Il primo luglio scorso – afferma il capogruppo Pdl William De Vecchis – il presidente della commissione lavori pubblici annuncio’ l’inizio dei carotaggi nelle zone interessate dal nuovo sottopasso, Villa Guglielmi e Rotatoria Coccia di Morto. Dichiarazioni queste registrate e mai smentite ne’ dal sindaco Montino ne’ dall’assessore Caroccia. Alcune settimane dopo diversi organi di stampa fotografarono una trivellatrice al centro della rotatoria di viale di Coccia di Morto, dove e’ fuoriuscito il geyser. Stesso macchinario che oggi si trova a Villa Guglielmi. Si affrettarono a smentire tutto e di fronte alle foto fecero una prima ammissione: sono trivellazioni ma per lavori a condutture del gas. Solo coincidenze? Possono attaccarsi a tutto, smentire, sviare, ma il nocciolo della questione rimane uno: il sottopasso e’ un bluff”.