In provincia di Lodi, finito in manette un 40enne per coltivazione di marijuana

MeteoWeb

marijuanaA  Castelnuovo Bocca (Lodi)  è finito stamane  in manette un 40enne del posto che aveva allestito, in un locale confinante con la propria abitazione, una serra utilizzata per la coltivazione di marijuana. Il locale era diviso con pannelli termoisolanti, e fornito di sistema di irrigazione, di concimazione e di riscaldamento. Non mancava neppure un sistema di aspirazione e di illuminazione artificiale. In pratica le piante di marijuana crescevano in un habitat quanto piu’ possibile naturale e idoneo a loro stesse. Un altro locale era invece utilizzato per la lavorazione della ‘maria’: qui, le foglie delle piante mature, dopo essere state raccolte, venivano messe a essiccare per poi essere triturate. A questo punto la marijuana, oramai pronta, veniva confezionata in bustine, oppure preparata gia’ a forma di spinelli. I carabinieri di Bocca d’Adda, che da tempo tenevano sott’occhio il 40enne, ritengono di aver inferto “un duro colpo allo spaccio di marijuana tra i giovani del paese e del circondario, stroncando un luogo di riferimento per l’approvvigionamento”. In ogni caso, tutta la droga scoperta nel corso di una perquisizione, e tutte le attrezzature del caso, sono state sequestrate.