Incendi in Sardegna, Realacci “affrontare emergenza”. Polemiche sui “tagli al settore”

MeteoWeb

549537_594052373980756_1855927363_n“Mentre si fronteggia l`emergenza incendi che nelle ultime 48 ore ha mandato in fumo magliaia di ettari di prezioso territorio sardo mettendo in serio pericolo la salute dei cittadini e dell`ecosistema e che per fortuna al momento sembra aver allentato la morsa anche grazie al lavoro e alla professionalità del Corpo Forestale della Regione Sardegna, bisogna dare la massima priorità alle politiche di prevenzione. La questione degli incendi va infatti affrontata per tempo, con misure che mirino alla prevenzione, con risorse adeguate, e attivando un coordinamento per razionalizzare al meglio i mezzi a disposizione. Un obiettivo per cui la Commissione di cui sono Presidente si impegna a lavorare”, lo afferma Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici della Camera, sull`emergenza incendi in Sardegna.
554943_594057977313529_2017417121_n“Improrogabile per altro – prosegue Realacci – la piena operatività del Censimento nazionale delle aree percorse dal fuoco, vigilando sulla corretta applicazione da parte dei Comuni del sistema catasto incendi e dando la competenza di tale controllo al Corpo Forestale dello Stato (CFS) come proposto lo scorso inverno dal ministro per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali rispondendo a un mio atto di sindacato ispettivo. Proprio per fare fronte al fenomeno, infatti, la legge quadro sugli incendi boschivi prevede che le zone boscate ed i pascoli percorsi da fuoco non possano avere una destinazione diversa da quella preesistente all`incendio per almeno quindici anni e a tal fine prevede l`istituzione di un censimento nazionale delle aree percorse da fuoco. Purtroppo però la validità della Legge 353/2000 e la conseguente tutela del paesaggio dagli incendi è limitata, nei fatti, dal parziale adempimento da parte degli enti locali del cosiddetto catasto incendi”. “Benché il Corpo Forestale dello Stato provveda ad inserire nel Sistema Informativo della Montagna i rilievi effettuati su aree e soprassuoli percorsi da fuoco e benché tali dati siano a disposizione dei Comuni che ne facciano richiesta al fine di aggiornare annualmente il proprio catasto degli incedi – conclude Realacci -, il ministro per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali lo scorso inverno rispondendo al medesimo atto di sindacato ispettivo aveva reso noto che solo il 50% dei 3.000 Comuni interessati da incendi boschivi si avvale della banca dati del CFS. Visti i numeri, appare strategico supportare in modo adeguato gli Enti Locali e dare così effettiva applicazione al censimento delle aree percorse da fuoco”.

543810_594056623980331_1865377627_n“LA REGIONE PAGA A CARO PREZZO I TAGLI AL SETTORE” – “La Regione Sardegna, più di ogni altra, sta pagando a caro prezzo la politica dei tagli lineari che ha comportato la drastica riduzione dei mezzi aerei antincendio, e la politica del blocco delle assunzioni dei vigili del fuoco che sta portando ad una pericolosa carenza di personale dell`unico corpo in Italia che è in grado di intervenire in pochi minuti con un sistema di pronto intervento antincendio. E` infatti noto a tutti gli addetti ai lavori che incendi di questo tipo, o li si spegne subito sul nascere da terra, o in breve tempo dilagano con necessità di numerose forze aeree, oggi in Italia indisponibili se accadono concomitanti incendi”. Lo dice Antonio Brizzi, segretario generale del Conapo sindacato autonomo dei vigili del fuoco. “Purtroppo la politica dei tagli, unita ad una legge quadro sbagliata, sta determinando in molte regioni il sostituire progressivamente l`intervento dello stato con quello dei volontari, che sono una risorsa preziosa – spiega Brizzi – ma che devono essere di ausilio e non sostitutivi dello stato. I nostri benpensanti politici devono infatti spiegarmi come possono pretendere un pronto intervento da terra in pochi minuti da persone che ordinariamente fanno un altro lavoro, e che già vanno ringraziati se riescono a raggiungere il luogo dell`incendio in mezzora, un tempo enorme nel quale il fuoco è ormai diventato incontrollabile da terra. Fino all`anno scorso si sopperiva poi dal cielo con costi enormi, ma ora è venuta a mancare anche questa certezza”. “Riformare quindi la legge quadro sugli incendi boschivi prevedendo un ruolo chiave dei vigili del fuoco nel coordinamento e nella lotta attiva agli incendi, insieme allo sblocco delle assunzioni del personale sono provvedimenti non più rinviabili da parte del governo, è questo uno dei nostri motivi di protesta”, concludono dal Conapo.