Incendi, situazione drammatica in Friuli: fiamme incontrollabili vicino a due borghi

MeteoWeb

IncendioL’incendio che sta distruggendo decine di ettari di conifere in Val Raccolana, sul monte Jovet, nel comune di Chiusaforte (Udine) preoccupa. “Le fiamme si stanno propagando in maniera impostante e non si riescono a controllare“, ammettono parlando con l’Adnkronos i vigili del fuoco. I pompieri sono pronti ad intervenire nel caso che il fuoco si avvicinasse troppo a due borghi, Piani di Qua e Piani di La’, lontani appena 5 chilometri dal paese di Sella Nevea. Al momento, i due borghi dalle 30 alle 50 persone; turisti e proprietari di case delle vacanze. I pompieri confidano che la loro opera di controllo del fuoco eviti di dover evacuare le due frazioni. “Al momento -sottolineano- la situazione non e’ pericolosa”. “Ma il fuoco -spiegano- ha preso una direzione e una velocita’ che preoccupano e si sposta verso Nord-Est, verso il confine con la Slovenia”. E purtroppo il meteo non e’ dalla parte di quanti stanno combattendo contro le fiamme dal 14 luglio scorso. Non e’ infatti prevista nessuna precipitazione importante a breve e, anzi, il Friuli sarà una delle pochissime Regioni che non vedranno maltempo nei prossimi giorni. L’altro incendio scoppiato in zona sempre il 14 luglio scorso, quello che ha investito il monte Lapiche nel comune di Pontebba, che ha gia’ bruciato diversi ettari di bosco. Le fiamme si sviluppano in quota e hanno investito un’area meno vasta rispetto al rogo della Val Raccolana. Tanto che tutti i mezzi aerei che stamattina erano impegnati su questo fronte, quando sul monte Jovet si e’ diradato il fumo, in tarda mattinata, si sono spostati sul rogo piu’ pericoloso.