Maltempo estremo in atto al Sud, 3 mostri temporaleschi: il più violento è in Sicilia. Allerta massima

/
MeteoWeb

01Sono ancora 3 i “mostri” temporaleschi che stanno interessando l’Italia centro/meridionale in questa prima giornata di maltempo di quest’ondata perturbata che si concluderà solo lunedì 2 settembre. I fenomeni più estremi saranno nel weekend e soprattutto domenica 1 settembre, ma già oggi si fa sul serio, mentre tra Lazio, Campania, Umbria, Abruzzo, Molise, Puglia e Basilicata sono presenti nubi alte e stratiformi che oscurano il sole ma non provocano precipitazioni. Al nord qualche nuvola sparsa ma ampie schiarite.
02Il primo mostro temporalesco imperversa da stamattina a ridosso della Sardegna orientale, ma senza interessare direttamente la terraferma sull’isola, dove sono comunque in corso piogge sparse, rovesci e qualche temporale. Molto più estremo il maltempo all’estremo sud: il primo MCS stamattina ha interessato dapprima Palermo, poi il messinese tirrenico e infine lo Stretto di Messina, dov’è stato molto violento con piogge torrenziali e trombe d’aria. Adesso si trova sulla Calabria centro/meridionale, con temporali sulla Calabria jonica, e continua a muoversi verso levante. Il terzo sistema convettivo a mesoscala (MCS) è il più intenso e pericoloso, si trova sulla Sicilia sud/occidentale, nel Canale, e sta iniziando a interessare adesso il trapanese e l’agrigentino. Nelle prossime ore si muoverà verso est, lambirà Malta, interesserà tutta la Sicilia e poi la Calabria nel corso del pomeriggio, provocando altre forti piogge torrenziali con grandinate, trombe d’aria e tempeste di fulmini. Massima allerta, quindi, già per le prossime ore. Per monitorare la situazione in diretta seguite le nostre news in tempo reale e le pagine del nowcasting: satelliti, situazione, fulminazioni, radar e webcam. Sulla nostra pagina di facebook trovate ulteriori aggiornamenti e potete interagire con la Redazione inviando foto, segnalazioni o qualsiasi tipo di riflessione. Se volete, scriveteci e inviateci le foto anche all’indirizzo di posta elettronica, redazione@meteoweb.it.