Maltempo in Friuli: grazie a piogge e temporali migliora la situazione-incendi, danni per fulmini e saette

MeteoWeb

1098472_10201183240695281_773281226_nMigliora la situazione sul Monte Jovet, nell’Alto Friuli, che sta bruciando dal 14 luglio scorso.  Sui monti del Friuli Venezia Giulia ci sono temporali sparsi e il timore e’ che i fulmini possano innescare ulteriori incendi, ma intanto la situazione è in miglioramento. Sono sempre due i roghi che destano maggiore preoccupazione, innanzitutto quello del monte Jovet, nel comune di Chiusaforte, in quanto il vasto fronte del fuoco resta pericolosamente vicino ai borghi di Patocco, Chiot Cali, Piani di Qua e Piani di La’, e un po’ piu’ discosto, al paese di Sella Nevea. E poi preoccupa l’incendio sul monte Le Piche, nel comune di Pontebba. Il terzo e il quarto incendio sono scoppiati tra l’altro ieri e questa mattina, anche questi innescati dai fulmini. Per fortuna ardono in zone impervie, in quota, e sono piu’ contenuti. Dopo tanta siccita’, che e’ una buona alleata delle fiamme, da stamattina piove a intermittenza sul Montasio e questo, confermano all’Adnkronos dalla sala operativa di Palmanova della Protezione civile regionale, aiuta. Nel senso che il fronte delle fiamme guadagna terreno, ma con maggiore lentezza rispetto ai giorni scorsi. Sui quattro incendi si stanno alternando quattro elicotteri della Protezione civile regionale (ieri erano tre), tre Canadair della Protezione civile regionale (ieri erano due). All’opera sui dueincendi piu’ importanti ci sono una settantina di volontari della Protezione civile, una quindicina di forestali e molti vigili del fuoco. Tutti i fronti del fuoco sono al momento sotto controllo, in particolare le fiamme del rogo piu’ temuto, che si stavano spostando verso le malghe del Montasio. Piove a intermittenza anche sul terzo incendio, sul monte Palavierte, nel comune di Tolmezzo. Le squadre antincendio speravano di spegnerlo gia’ ieri e oggi di bonificare la zona, ma non e’ andata cosi’ e anche su quel rogo sta operando un elicottero.

saettaTEMPESTA DI FULMINI IN PROVINCIA DI UDINE, DANNI E DISAGI –  Un temporale ha innescato a Osoppo (Udine) un incendio che ha interessato una cabina Enel di media tensione, ubicata in via Fortunato, il fulmine ha anche distrutto un vicino pollaio di legno. Le fiamme, fanno sapere i carabinieri, sno state spente dai vigili del fuoco di Gemona del Friuli. L’incendio ha causato al sospensione della distribuzione dell’energia elettrica a circa 300 persone. La riattivazione della distribuzione dell’elettricita’ e’ stata verosimilmente indicata entro le prossime 24 ore. I danni sono in corso di quantificazione.

NUOVO ROGO PROVOCATO DA UN FULMINE – Un quarto incendio e’ scoppiato stamattina a causa di un fulmine sui monti del Friuli Venezia Giulia, dove dal 14 luglio scorso si combatte contro il fuoco di due roghi molto vasti e da due giorni contro un terzo incendio. Anche l’incendio odierno e’ scoppiato in provincia di Udine, nel dettaglio sul monte Brancot, nel comune di Trasaghis, fa sapere all’Adnkronos la sala operativa di Palmanova della Protezione civile regionale. Sui due focolai del monte Brancot, ambedue in quota in una zona impervia, sta operando un elicottero antincendio, che tenta di contenere le fiamme.