Salute: da risultati preliminari, batterio ulcera può provocare pre-eclampsia

MeteoWeb

 gravidanzaDai  risultati di recenti ricerche effettuate presso i Laboratori di Ginecologia è emerso che  legame tra gli anticorpi ‘nel mirino’ e la beta actina del trofoblasto e’ stato in grado di ridurne significativamente la sua invasivita’ nella parete uterina. Gli scienziati hanno poi  evidenziato un danno anticorpale anche sul processo di angiogenesi endometriale, che insieme all’invasione del trofoblasto, regola il processo di placentazione. “E’ quindi possibile ipotizzare – dicono i ricercatori – come la ridotta invasivita’ del trofoblasto nella cavita’ uterina e la ridotta angiogenesi endometriale, causate dal legame con gli anticorpi anti-CagA, potrebbe” nelle donne infette da ceppi di Helicobacter pylori, “portare ad un difettoso impianto del trofoblasto e ad una difettosa formazione della placenta, da cui potrebbe scaturire la pre-eclampsia”. I risultati preliminari di uno studio clinico condotto su donne con pre-eclampsia hanno rilevato inoltre un’associazione tra positivita’ per l’infezione da H. pylori e alterazione del processo di placentazione. “Queste informazioni – commenta la coautrice dello studio Nicoletta Di Simone, dirigente medico del Dipartimento per la Tutela della Salute della donna, della vita nascente, del bambino e dell’adolescente del Gemelli – potrebbero permettere un’identificazione precoce di donne a rischio di sviluppare la patologia durante la gravidanza con ottimizzazione dell’approccio diagnostico e terapeutico”.