Salute: dopo lo scoppio del focolaio di aviaria, l’Unità di crisi estende i controlli sanitari e la vigilanza veterinaria

MeteoWeb

CINA: PREOCCUPAZIONE PER AVIARIA E MAIALI MORTI A SHANGHAINonostante attualmente tutti i controlli effettuati su altri allevamenti hanno dato esito negativo, l’Unita’ di crisi istituita dal ministero della Salute dopo lo scoppio di un focolaio di influenza aviaria ha deciso a scopo precauzionale di estendere le zone sottoposte a controllo sanitario anche all’alto Ferrarese e al basso Polesine e di rafforzare la vigilanza veterinaria negli allevamenti nonche’ le misure di biosicurezza. Lo rende noto il ministero. Mentre sono in fase di completamento le operazioni di chiusura del focolaio di influenza aviaria riscontrato, il punto della situazione e’ stato fatto oggi a Bologna, presso la sede della Regione, nel corso di una riunione dell’Unita’ di crisi cui hanno partecipato rappresentanti del Ministero della salute, delle Regioni, a particolare vocazione avicola: Emilia Romagna, Lombardia, Veneto e Umbria, dell’ Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia-Romagna, dell’IZS delle Venezie, dei Carabinieri per la tutela della salute, con lo scopo di aggiornare e rafforzare le misure sanitarie in corso. All’incontro hanno partecipato anche la vicepresidente della Regione Simonetta Saliera e il sindaco di Ostellato Andrea Marchi. E’ stato confermato che verranno erogati gli indennizzi sulla base della normativa nazionale e comunitaria. Si conferma che non vi e’ alcun rischio collegato al consumo di uova e carni avicole. L’Unita’ di crisi restera’ attiva per monitorare l’applicazione delle misure sanitarie concordate, valutare l’eventuale evoluzione della situazione epidemiologica e fornire alla cittadinanza un’informazione costante e tempestiva. Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, si legge nella nota, segue l’evolversi della situazione per assicurare ogni misura a protezione del patrimonio avicolo nazionale e garantire una rapida valutazione per il ristoro dei danni subiti attraverso la corresponsione dei previsti indennizzi.