Salute: la disattivazione di un enzima paralizza le cellule tumorali, riducendo la crescita dei tumori, lo afferma una ricerca

MeteoWeb

tumoreEcco la scoperta  che potrebbe portare a nuovi trattamenti contro le forme piu’ aggressive di cancro: la disattivazione di un enzima paralizza le cellule tumorali, riducendo la crescita dei tumori.   Il promettente “bersaglio” e’ l’AGPS (alkylglycerone phosphate synthase), noto per il ruolo critico svolto nella formazione di lipidi-etere. Dai dati della ricerca, condotta dall’Universita’ della California, e’ emerso che l’espressione dell’AGPS aumenta quando le cellule normali si trasformano in cancerogene. E non solo: la disattivazione dell’enzima abbatte notevolmente l’aggressivita’ delle cellule tumorali. “Le cellule tumorali diventano meno abili nell’invasione” ha spiegato Daniel Nomura, leader dello studio pubblicato sulla rivista ‘Pnas’. “Nei topi con AGPA disattivato i tumori erano inesistenti. Al contrario quando l’enzima non e’ stato disabilitato il cancro si e’ rapidamente sviluppato”. L’inibizione dell’espressione dell’enzima impoverisce le cellule cancerogene di lipidi-etere, oltre ad alterare i livelli di altri lipidi importanti per la sopravvivenza e la diffusione delle cellule tumorali, come fosfolipidi e prostaglandine.