Salute: moderare l’uso dell’aria condizionata in auto aiuta a ridurre rischi di salute in agguato

MeteoWeb

ARIA CONDIZIONATATra i principali rischi di chi esagera con l’aria condizionata in auto, vi sono: disidratazione, irritazione alle vie respiratorie, mal di gola e otiti in agguato. Sono stati elencati dal virologo dell’universita’ degli Studi di Milano Frabrizio Pregliasco, che raccomanda prudenza ai vacanzieri in viaggio in queste ore. “L’aria condizionata contribuisce alla disidratazione del corpo”, ricorda Pregliasco al water magazine ‘In a Bottle’ (www.inabottle.it). “Questa infatti, togliendo gran parte dell’umidita’, crea un clima piu’ secco – precisa l’esperto – aumentando uno stato di disidratazione complessiva e una richiesta di maggior apporto idrico da parte dell’organismo“. Non solo: “Anche le vie respiratorie risentono in modo particolare della disidratazione, perdendo la loro efficienza perche’ ‘rinsecchite. Le vie aeree rischiano irritazioni serie – avverte il virologo – se il climatizzatore viene utilizzato in maniera non appropriato. E le malattie dell’orecchio, del naso e della gola sono sempre in agguato. Le cause principali di laringiti e faringiti sono da un lato gli sbalzi termici, dall’altro l’impossibilita’ di mantenere completamente sterili i filtri di cui ogni apparecchio di condizionamento dell’aria e’ dotato. Ecco perche’ chi soffre di rinite, otite e sinusite dovrebbe cercare di evitare o di utilizzare saggiamente l’aria condizionata“. “Utilizzare poi l’aria condizionata a temperature eccessivamente basse disidrata e puo’ determinare il colpo di calore, specialmente rispetto al clima esterno”, aggiunge Pregliasco. “E’ bene quindi portare in macchina una buona scorta di bottiglie di acqua per tenersi idratati, e verso la fine del viaggio – consiglia l’esperto – spegnere un po’ prima il condizionatore in modo da diminuire l’impatto con l’esterno quando si scende dall’auto”.