Salute, pediatra: “bimbi a rischio per giocattoli non sicuri venduti in spiaggia”

MeteoWeb

BOLLA SAPONEGiocattoli  di ogni tipologia, aquiloni di carta, colorate bolle di sapone e piccole catenine esotiche. Tra questi oggetti venduti sulle spiagge italiane, spesso ‘made in China’, possono nascondersi molte insidie per i piu’ piccoli. Soprattutto quando in queste giornate di caldo e relax anche l’attenzione dei genitori si allenta “I rischi maggiori sono per i bimbi da 1 a 3 anni – spiega all’Adnkronos Salute Antonino Reale, responsabile della struttura complessa di Pediatria dell’emergenza del Bambino Gesu’ di Roma – nei casi in cui avvenga l’inalazione di corpi estranei che finiscono nei polmoni o l’ingestione di oggetti molto piccoli. Le pile a bottone, usate in molti giochi elettronici, sono uno dei casi piu’ frequenti. Solo nell’ultimo periodo al pronto soccorso del Bambino Gesu’ abbiamo visitato 4 piccoli pazienti arrivati per un principio di soffocamento“. “Molti corpi estranei – aggiunge il pediatria – possono anche finire nell’orecchio o nel naso del bambini. Le perline vendute in spiaggia sono molto pericolose per i neonati sotto i 36 mesi, che – ricorda lo specialista – non dovrebbero maneggiare oggetti piu’ piccoli di una pallina da ‘ping pong'”. Secondo l’esperto non vanno sottovalutati, tra i pericoli nascosti nei giocattoli acquistabili sui litorali, anche i contenitori e gli involucri “spesso – sottolinea Reale – sono buste di plastica o corde improvvisate. Se lasciamo che il bambino si metta a giocare anche con questi oggetti e’ bene controllarlo e aiutarlo”. Quali strumenti hanno i genitori per difendersi dai giocattoli ‘made in China’? “E’ difficile non accontentare i figli soprattutto se molto piccoli – risponde l’esperto – ma bisogna ricordarsi di controllare bene se sull’oggetto e’ presente il marchio di conformita’ Ce, ma soprattutto – suggerisce – se c’e’ l’indicazione dell’importatore o del produttore italiano. Un piccolo indizio sulla filiera della produzione e quindi sulla qualita’ della componentistica”.