Sciame sismico Gubbio, i terremoti storici nella cittadina umbra

MeteoWeb

Piazza Grande, GubbioL’area di Gubbio, interessata questa notte da un sisma di magnitudo 3,7 che ha creato apprensione fra la popolazione, non è certo nuova a terremoti anche molto forti. Dal 1300 l’area ha risentito di almeno trenta terremoti considerevoli, la maggior parte dei quali hanno avuto luogo lungo l’Appennino Umbro e Marchigiano, sia a nord che a sud della cittadina, talvolta anche a diverse decine di km di distanza.

In alcuni casi invece, come avvenuto stanotte, l’epicentro ha avuto luogo nel bacino di Gubbio, area pianeggiante che si estende ai piedi dell’abitato.  È quanto avvenne già nel 1593, quando un terremoto fortissimo – secondo quanto riporta il catalogo dei terremoti storici dell’INGV– avvenne a soli 10 km di distanza dalla città. La magnitudo momento fu allora di 5,5 e l’intensità MCS è stata stimata in un valore fra 7 e 8. Ci furono gravissimi danni e vittime, ma sono poche le informazioni arrivate fino ad oggi a riguardo.

Il 23 ottobre del 1730 un altro forte sisma creò seri danni alla cittadina, che in quel periodo era in mano allo Stato Pontificio e contava circa seimila abitanti. Dopo soli undici anni, una nuova scossa sull’Appennino Marchigiano creò serissimi danni a Gubbio e Fabriano, secondo quanto riporta il Catalogo dei Forti Terremoti in Italia (CFTI). Un altro sisma, con epicentro nei pressi di Gualdo Tadino e di magnitudo 6,0 avvenne nel 1751 e causò la morte di una decina di persone nell’area dell’Umbria settentrionale.

Nell’800 e nel ‘900 sono tanti i terremoti avvenuti sull’Appennino Umbro-Marchigiano di cui ha risentito anche Gubbio (1832, 1897).  I più forti del secolo scorso si sono invece registrati nel 1961 (l’intensità MCS fu di 7 gradi, mentre la magnitudo di 4,4) e nel 1984. Il 29 aprile 1984 una scossa di magnitudo 5,6 colpì tutta l’Umbria settentrionale danneggiando gravemente abitazioni ed edifici storici presso Assisi, Gubbio, Perugia, Città di Castello, Gualdo Tadino e numerosi altri centri.

L’ultimo forte terremoto che ha interessato l’area dell’Umbria settentrionale è stato quello del 26 settembre 1997, di magnitudo 5,7 ed epicentro lungo l’Appennino Umbro-Marchigiano nella piana di Colfiorito (circa 50 km a sud di Gubbio). L’intensità del sisma nella cittadina umbra fu di circa 6-7 gradi nella scala MCS.