Terremoti, Luke Thomas li prevede in base alle condizioni meteo: “il 20 agosto ci sarà un’altra scossa”

MeteoWeb

Luke ThomasAbbiamo parlato a lungo, nei giorni scorsi, di Luke Thomas, il personaggio americano che la scorsa settimana aveva previsto un terremoto “tra 16 e 17 agosto in Sicilia, tra Messina e Catania, di magnitudo superiore a 5.0“. Il terremoto c’è stato, ma più debole (magnitudo 4.2) e nel messinese tirrenico. Abbiamo già scritto cosa pensa la scienza di queste previsioni che in realtà si basano sulle condizioni meteorologiche. Lo stesso Thomas ha specificato, nel suo sito internet, i metodi delle sue ricerche (assolutamente autonome e indipendenti, assolutamente slegate da organi e centri istituzionali o universitari). Le sue analisi si basano sulle variazioni della temperatura, piccoli terremoti,comportamento degli animali, comportamento umano, fasi lunari, ‘lacune’ sismiche (molto probabilmente intende dai gap o assenza di sismicità da molti anni), variazioni di temperatura dell’acqua e nubi sismiche.

Alcuni di questi parametri sono considerati, da alcuni, precursori di terremoti, ma non sono mai stati riconosciuti a livello scientifico in quanto non ci sono studi che lo dimostrino in modo effettivo.

Intervistato dal giornale locale “Pattionline”, Thomas ha spiegato: “io uso le temperature, il vento, l’umidità e il punto di rugiada di ciascuna delle città per le quali effettuo una previsione di terremoto. Il modello di previsione è basato su molte ore di ricerca. (Attualmente la previsione è su 56 città di tutto il mondo). Ho fatto molti errori in passato (8 anni di ricerca) Tuttavia, nel corso degli ultimi 3 mesi ho finalmente perfezionato il modello di previsione dei terremoti. Vi faccio notare quanto bene questo metodo sta lavorando in Giappone –http://www.quakeprediction.com (vedi grafico); il terremoto 6.0 che ha colpito il 4 agosto a NE di Tokyo è stato da me previsto con 4 giorni di anticipo. Ho avuto un avvertimento per la zona di Christchurch, e un terremoto di Magnitudo 6,5 ha colpito a nord di quella città [16 agosto]. I terremoti prima del primo luglio 2013 non potevano essere previsti. Adesso, dopo oltre 15.000 ore di ricerca, ho finalmente scoperto la chiave per la previsione dei terremoti. In Sicilia adesso mi aspetto una nuova scossa il 20 agosto, quando potrebbe verificarsi un terremoto di magnitudo 3.0″. 

Sarà davvero così?