Terremoto Ancona: continua lo sciame sismico iniziato il 21 luglio, 60 scosse in un mese

MeteoWeb

22agoIl terremoto di magnitudo 4,4 avvenuto oggi a circa dieci chilometri al largo di Ancona fa parte di una sequenza sismica iniziata alla fine di giugno e che finora ha generato complessivamente 20 eventi. Il piu’ intenso e’ stato il sisma del 21 luglio scorso, di magnitudo 4,9. Nella stessa giornata era avvenuta un’altra scossa di magnitudo 4,0. “L’area colpita dal terremoto di oggi e’ interessata da una sequenza in atto, generata da una struttura che si estende per circa 20 chilometri da Sud-Ovest a Nord-Est“, ha spiegato il funzionario della Sala sismica dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Alberto Basili.
intensityCome il terremoto del 21 luglio scorso, anche quello di oggi e’ abbastanza superficiale, avvenuto alla profondita’ di circa 8 chilometri. Il meccanismo alla base del terremoto di oggi come di quello del 21 luglio e’ di tipo trascorrente, ossia i sismi sono stati generati da una struttura superficiale nella quale i due lembi della crosta terrestre scorrono l’uno contro l’altro sullo stesso piano. Gli esperti dell’Ingv stanno controllando costantemente quest’area dall’epoca del terremoto in Umbria del 1997: “E’ un’area ben monitorata – ha osservato Basilied una convenzione con la Regione Marche ci ha permesso di aumentare il numero delle stazioni sismiche, al punto che riusciamo a registrare eventi di magnitudo inferiore a 1“.

Sono state oltre 60 le scosse sismiche che si sono succedute nel Mare Adriatico al largo delle Marche nell’ultimo mese: lo scorso 21 luglio la terrà aveva infatti tremato con una magnitudo 4.9, provocando paura tra la popolazione e facendo innalzare l’attenzione degli esperti per lo sciame sismico in quella zona (classificato dell’Istituto nazionale di Geofisca e Vulcanologia come “Sequenza Monte Conero”). Di queste scosse, solo quattro hanno avuto una magnitudo pari o superiore a 3: magnitudo 3 il 23 luglio, magnitudo 4 il 21 luglio, la scossa di oggi di magnitudo 4.4 e quella del 21 luglio di magnitudo 4.9. Le altre non hanno superato la magnitudo 2. Nel 2013 nella stessa zona in oltre sette mesi, da inizio anno al 20 luglio, si erano verificate circa 20 scosse, la più forte di magnitudo 3.9.