Terremoto Ancona, decine di verifiche statiche agli edifici: nessuna inagibilità

MeteoWeb

mcsSono gia’ 40 le verifiche statiche condotte dai vigili del fuoco fra Ancona, Numana e Sirolo dopo la scossa di terremoto di magnitudo 4.4 di questa mattina. Una decina di controlli sono in corso, e finora, fanno sapere dal Comando provinciale dei Vvf, non sono state emesse ordinanze di inagibilita’. Si sta valutando tuttavia la situazione di un edificio privato a Sirolo, che presenta criticita’ rispetto agli altri gia’ ispezionati. Per la spiaggia delle Due Sorelle, evacuata a scopo precauzionale per consentire il monitoraggio di tutto l’arco della falesia, vale ancora l’ordinanza provvisoria di divieto di attracco dei natanti e sosta lungo l’arenile. Sara’ il sindaco Moreno Misiti a decidere insieme alla Capitaneria di porto eventuali provvedimenti successivi. Fra le ipotesi, ancora allo studio, la creazione di una fascia di delimitazione fra la falesia e il mare che garantisca la sicurezza dei bagnanti. ”La struttura della Protezione civile regionale – spiega il dirigente Roberto Oreficini – rimane attiva con i suoi 50 uomini, che operano divisi per turni”. ”Nessun Centro operativo comunale al momento e’ attivo, perche’ i sindaci non ne hanno ravvisato la necessita””. Non ci sono ulteriori danni segnalati a chiese e monumenti storici rispetto a pochi gia’ prodotti dalla scossa 4.9 del 21 luglio scorso, e ospedali e attivita’ produttive hanno funzionato a regime. La risposta dei marchigiani e dei turisti alla nuova crisi sismica, sottolinea Oreficini, e’ stata ”di grande maturita’ e consapevolezza delle cautele che vanno adottate in questi casi”.