Terremoto Sicilia, paura nel messinese: due scosse forti, poi 60 d’assestamento. Le mappe e il riepilogo

/
MeteoWeb

01Notte di paura in Sicilia, e in modo particolare nella provincia di Messina, per due forti scosse di terremoto che hanno colpito il messinese tirrenico a distanza ravvicinata, all’1:04 (magnitudo 4.1) e poi all’1:06 (magnitudo 4.2), entrambe a 10km di profondità. L’epicentro delle scosse è stato tra Patti e Gioiosa Marea, in provincia di Messina, proprio di fronte le isole Eolie, in un distretto sismico già noto per la forte scossa di magnitudo 6.1 del 15 aprile 1978 e tante altre scosse storiche distruttive, da quella di magnitudo 5.6 di esattamente 400 anni fa (25 agosto 1613) a quella del 1786 di magnitudo 6.0.
Dopo le due scosse principali, che hanno scatenato il panico con gente in strada nei comuni più vicini all’epicentro, s’è prodotto un lungo sciame sismico che è durato tutta la notte con scosse continue fino a magnitudo 2.5/2.6. Protezione Civile e Vigili del Fuoco, fortunatamente, non segnalano alcun danno. Le scosse sono state avvertite in tutto il territorio della provincia di Messina, isole Eolie comprese, ma anche a Reggio Calabria, in Aspromonte, sull’Etna e nelle zone della provincia di Catania più settentrionali.