Tumori: sviluppati nuovi farmaci che colpiscono la struttura delle cellule cancerose

MeteoWeb

tumore03Scienziati australiani hanno sviluppato una nuova classe di farmaci anti-cancro, i primi a mirare direttamente alla struttura interna delle cellule tumorali. I nuovi farmaci detti anti-tropomiosine, sperimentati con successo su topi di laboratorio, distruggono uno degli elementi fondamentali delle cellule cancerose, le molecole che formano i pilastri e i cavi della loro impalcatura interna. Gli esperimenti in culture di cellule hanno dimostrato che i farmaci, frutto di 30 anni di ricerche, sono efficaci contro ogni tipo di cancro sottoposto a test, inclusi i tumori infantili piu’ difficili da trattare come i neuroblastomi – scrive sulla rivista Cancer Research il responsabile del progetto, prof. Peter Gunning, direttore dell’Unita’ di Ricerca Oncologica dell’Universita’ del Nuovo Galles del sud. Il composto detto TR100 mira alla proteina tropomiosina, uno dei ‘mattoncini’ delle cellule cancerose, che si lega a un’altra proteina detta actina per organizzare la struttura interna di tutte le cellule del corpo, comprese quelle cancerose. Le due proteine si combinano anche per formare le piu’ piccole unita’ di contrazione in muscoli come quelli del cuore. Molti altri studi si sono concentrati nella ricerca di farmaci che agissero contro l’actina, ma il problema e’ che la proteina che si trova anche nel cuore e in altri muscoli e’ quasi identica a quella contenuta nelle cellule cancerose. Gunning e i suoi collaboratori hanno scoperto che invece la tropomiosina nel cuore e in altre cellule muscolari e’ differente da quella nelle cellule cancerose. Hanno quindi sviluppato un modello computerizzato di tropomiosina e hanno passato al vaglio migliaia di sostanze farmaceutiche alla ricerca dei piu’ efficaci. Di 25 mila potenziali farmaci, per lo piu’ singole molecole, solo uno ha ucciso le cellule tumorali in laboratorio. Quando il gruppo ha raffinato il modello computerizzato, ne ha identificati altri cinque, che ora vengono sperimentati su animali per stabilire quali molecole utilizzare in sperimentazioni umane di chemioterapia.