Attività solare quasi assente: ecco il ciclo undecennale più debole degli ultimi 50 anni

MeteoWeb
Credit: NASA
Credit: NASA

Il 2013 dovrebbe (o avrebbe dovuto) essere l’anno del massimo solare. In effetti il campo magnetico della nostra stella ha cominciato la sua inversione tipica di questi frangenti, ma in pratica l’attività superficiale è letteralmente assente. Il disco solare somiglia a quello che generalmente avviene nel corso di un minimo solare del ciclo undecennale. Un’ispezione accurata rivela solo due macchie solari, molto piccole. Le previsioni della NOAA stimano una probabilità di flare di classe M o X non più elevata dell’1% nelle prossime 24 ore. In realtà, questo è il massimo solare più debole degli ultimi cinque decenni, caratterizzato solo periodicamente da brillamenti e conseguenti espulsioni di massa coronale. sole discoIl fisico solare Pesnell del Goddard Space Flight Center ha offerto una spiegazione plausibile: “Questo è il massimo solare – suggerisce – ma ha un aspetto diverso da quello che ci aspettavamo. Siamo di fronte ad un doppio massimo solare”, aggiunge lo scienziato. Gli astronomi hanno monitorato l’attività per secoli, notando una certa irregolarità nei suoi cicli. Le oscillazioni del ciclo di Schwabe possono variare tra 9 e 13 anni, da cui si deduce la media undecennale, e in questo periodo può variare anche la sua ampiezza. Alcuni massimi solari sono estremamente deboli, altri molto forti. Il fisico invita a riflettere su questa ulteriore variabile: “gli ultimi due massimi solari, avvenuti nel 1989 e nel 2001, hanno avuto un doppio picco, intervallati da un lasso temporale di circa due anni di attività molto bassa”. Secondo Pesnell, quindi, sarebbe questa la risposta all’attuale ciclo 24, che secondo questa teoria dovrebbe sfornare un nuovo picco tra la fine del 2013 ed il 2014. Non ci resta che attendere…!