Bellezza: cresce consumo creme idratanti tra gli uomini, pelle maschile invecchia di colpo a 50 anni

MeteoWeb

CREME ANTIRUGHE UOMINI - CopiaSecondo  uno studio condotto dall’università di Amburgo e pubblicato sul Journal of cosmetic science,  dedicato alle differenze di genere nelle caratteristiche cutanee, effettuato su 150 uomini e 150 donne, di età fra i 20 e i 74 anni, l’uomo, prima di utilizzare la crema idratante della moglie o della fidanzata, dovrebbe riflettere, dato che la sua pelle è molto diversa e rughe, stanchezza ed invecchiamento gli crolleranno addosso a 50 anni. Dovrebbe quindi imparare a prevenire la disidratazione, utilizzando  costantemente, negli anni, prodotti specifici, proprio come fanno da sempre le donne.  Effettuando  indagini strumentali, i ricercatori hanno notato che  le differenze fra le pelli maschili e femminili dimostrano che se lui parte avvantaggiato con una innata idratazione naturale e una pelle più protetta rispetto a lei, le cose si invertono a 50 anni. E’ a questa età che la ‘trans epidermal water loss’ (tewl)maschile, impercettibile dispersione di acqua attraverso la pelle, fa cilecca rilevando secchezza e abbattendo le difese cutanee. Lei invece mostra una pelle più protetta dalla tewl, sebbene più secca dalla menopausa in poi. “Lui mantiene un più elevato livello di sebo, soprattutto sulla fronte, rispetto alla pelle femminile che progressivamente invece lo perde con gli anni” precisa Stefanie Luebberding, autrice dell’indagine. “E’ auspicabile che gli uomini utilizzino cosmetici antietà formulati con ingredienti attivi e galenici appositamente per la loro pelle, così come le donne” conclude la ricercatrice. Le cose saranno destinate a cambiare? Dopo anni di uso minimalista dei prodotti di bellezza da parte del sesso forte la passione ad usare le creme idratanti cresce e, ad oggi, circa il 30% dei cosmetici totali venduti in Italia è destinato agli uomini. I prodotti di nicchia maschili che crescono di più in termini di fatturato sono le creme emollienti ed idratanti che registrano un + 5% di anno in anno