Il maltempo arresta la crescita dell’agricoltura

MeteoWeb

agricoltura campo allagatoL’agricoltura paga la lunga ondata di maltempo che nei mesi scorsi non ha dato tregua alle campagne italiane, tra freddo prolungato e primavera praticamente inesistente. Ed e’ cosi’ che nel secondo trimestre dell’anno il settore primario inverte la rotta e si allinea al trend negativo degli altri comparti produttivi, segnando un calo del valore aggiunto sia congiunturale (-2,2 per cento) che tendenziale (-2,6 per cento)“. Lo afferma Giuseppe Politi, presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori, in merito ai dati sul Pil diffusi oggi dall’Istat.
Gli eventi climatici estremi che hanno caratterizzato questo 2013, tra grandinate fuori stagione, trombe d’aria e alluvioni, hanno compromesso il calendario classico dei lavori agricoli in mesi decisivi per l’agricoltura -spiega Politi-. A marzo, il periodo delle semine, il 102 per cento in piu’ di pioggia al Centro-Nord ha posticipato e spesso impedito le operazioni in campo. Mentre a maggio l’incremento del 50 per cento delle precipitazioni ha causato forti ritardi nelle raccolte cerealicole e in parte ha pregiudicato la maturazione delle coltivazioni primaverili incidendo sulle rese“.
Agli enormi danni creati dal maltempo vanno aggiunte le difficolta’ del mercato -osserva il presidente della Cia-. Ma non si puo’ dimenticare che, nonostante i problemi legati agli alti costi produttivi e all’andamento instabile dei prezzi sui campi, l’agricoltura nell’ultimo anno e’ stato l’unico settore a garantire sia produttivita’ che occupazione. E in una fase di crisi nera dei consumi interni (-4 per cento nel primo semestre) riesce ancora a trainare l’export ‘made in Italy’ incrementando le vendite oltreconfine del 7,7 per cento“.
Per questo bisogna continuare ad avere fiducia nell’agricoltura e a investire nel settore -conclude Politi- che rappresenta sul serio un volano fondamentale per la ripresa dell’economia“.