Meteo Weekend: arrivano le prime piogge d’autunno al centro-nord, da lunedì il maltempo raggiungerà anche il sud con piogge e temporali

MeteoWeb

AERONET_ETNA.2013270.terra.1kmIl sole ed il clima tardo estivo che ci hanno tenuto in compagnia fino ad oggi, su gran parte delle nostre regioni, hanno già le ore contate. Sul nord Italia, fra costa Ligure, Piemonte e alta Lombardia, sono già arrivati i primi addensamenti nuvolosi che preannunciano l’imminente cambio del tempo, per l’ingresso di una perturbazione di origine atlantica. Osservando il quadro sinottico sul vecchio continente si nota subito la presenza di una configurazione ad “Omega”, che vede protagonisti il promontorio anticiclonico di blocco, che dal Mediterraneo centro-occidentale si erge con i suoi elementi più settentrionali fin verso le Isole Britanniche. Tale struttura anticiclonica, in fase di restrizione ed invecchiamento nel corso del prossimo weekend, è circondata, lungo i suoi lati, da ben due differenti circolazioni cicloniche, piuttosto vaste e ben supportate in quota, nella media troposfera, da un minimo di geopotenziale e da massimi di vorticità positiva, ben alimentati dal passaggio del ramo discendente del “getto polare”, che presenta un andamento mediamente meridiano. La prima profonda depressione si trova localizzata sul vicino Atlantico, a largo della costa portoghese, presentando un minimo profondo sui 990 hpa, in fase di attenuazione, ed una vasta occlusione al seguito che inizia a lambire il nord del Portogallo e la Spagna, con una accentuazione della ventilazione meridionale.

03L’altro vortice depressionario, colmo di aria artica marittima continentalizzata, è attivo sopra la Carelia, nell’estremo ovest della Russia europea, e continua a spingere un esteso blocco di aria fredda, aspirata dal mare di Barents, in direzione della Scandinavia, la Finlandia e le vaste distese pianeggianti della Russia europea, dove è in atto un significativo calo dei valori termici, che investe soprattutto la Russia europea, la Finlandia, la Svezia, incluse le Repubbliche Baltiche e la Bielorussia. L’Italia ed il bacino centrale del Mediterraneo, con la graduale erosione del promontorio anticiclonico sub-tropicale tuttora presente sul Mediterraneo centrale, tenderanno ad essere influenzate da questa area depressionaria prossima al Portogallo e alle coste della Galizia, la quale continuerà a sfornare dei complessi sistemi frontali che tenderanno a muoversi molto lentamente verso levante, interessando dapprima la Francia, la Svizzera, per poi raggiungere le Alpi e l’Italia settentrionale. Nella giornata di domani l’ampia circolazione depressionaria si ridosserà alle coste della Galizia, evolvendo in un “CUT-OFF” in quota, pilotando un paio di piccoli sistemi frontali oceanici che muovendosi verso est determineranno l’erosione del promontorio anticiclonico in azione sul bacino centrale del mar Mediterraneo, con il conseguente calo barico su gran parte delle regioni italiane.

Allerta01Ma la vera svolta avverrà proprio domenica, quando uno di questi sistemi frontali, dopo aver attraversato la Francia, punterà l’Italia settentrionale, determineranno un brusco peggioramento, accompagnato anche dall’avvento delle prime piogge e dei primi rovesci sparsi. Il peggioramento, nel corso della giornata, si estenderà anche alla Sardegna, e alle regioni centrali tirreniche, dove si assisterà ad un drastico incremento della copertura nuvolosa che dalla seconda del giorno verrà accompagnato da piogge, rovesci e temporali, pronti ad investire la Liguria, la Toscana e l’ovest dell’Umbria, per estendersi al nord del Lazio. Solo sulle regioni meridionali e sulla Sicilia insisteranno ancora condizioni di relativa stabilità, con condizioni di tempo moderatamente caldo e soleggiato. A partire dalla serata le nubi tenderanno ad aumentare solo su Campania e Molise, con qualche piovasco sparso pronto ad interessare le coste campane dalla serata/notte successiva.

Allerta02PREVISIONI

SABATO 28 SETTEMBRE 2013

Al mattino è atteso un peggioramento sulle regioni del nord, con nubi in progressivo aumento a partire dal Piemonte, Lombardia, Liguria, Veneto, in successivo spostamento alla Toscana e al resto delle regioni del nord, con le prime deboli precipitazioni in arrivo fra costa ligure. Nel corso della mattinata la nuvolosità comincerà a crescere anche fra nord della Sardegna, Umbria e alto Lazio. Sulle altre regioni del centro prevarranno ancora ampi spazi soleggiati, con cieli poco nuvolosi. Bel tempo e clima stabile e soleggiato sulle regioni meridionali ed in Sicilia, dove il campo di alta pressione garantirà ancora condizioni climatiche degne del periodo tardo estivo.

Nel pomeriggio le nubi si faranno sempre più compatte e diffuse in gran parte del nord, con cieli in larga parte nuvolosi o molto nuvolosi. Durante il tardo pomeriggio e la serata successiva un ulteriore peggioramento è atteso fra Piemonte, Liguria e Lombardia, dove si potranno verificare anche delle piogge sparse e dei piovaschi. La nuvolosità aumenterà pure fra Sardegna, Toscana, Umbria e Lazio, dove nel corso della serata passeranno degli addensamenti nuvolosi un po’ più consistenti. Prevale il bel tempo e la stabilità sulle regioni meridionali ed in Sicilia.

20DOMENICA 29 SETTEMBRE 2013

Al mattino il peggioramento si farà deciso su quasi tutto il nord, con nubi sempre più compatte che daranno luogo a piogge sparse e a rovesci, distribuiti in modo disomogeneo sul territorio. Le piogge più significative insisteranno fra costa ligure, Piemonte e Lombardia occidentale. In mattinata il peggioramento si estenderà anche alla Sardegna, la Toscana, per inglobare pure l’Umbria e il Lazio, dove arriveranno le prime piogge sparse ed i primi rovesci. Le precipitazioni tenderanno a farsi più decise fra Toscana e Lazio, dalla tarda mattinata. Velature e banchi di nubi medio-alte transiteranno sulle restanti regioni del centro, offuscando in parte la coltre celeste. Solo sulle regioni meridionali e sulla Sicilia insisteranno ancora condizioni di relativa stabilità, con condizioni di tempo moderatamente caldo e soleggiato.

Nel pomeriggio il maltempo insisterà sulle regioni di nord-ovest, con piogge più battenti e rischio di temporali a carattere sparso fra la Liguria, l’est Piemonte e la Lombardia, in successivo spostamento verso il Veneto e l’Emilia. Piogge più significative interesseranno con molta probabilità l’area del genovesato e la Riviera di Levante ligure, dove in serata potranno verificare anche dei rovesci a carattere temporalesco, localmente di moderata o forte intensità, pronti ad attenuarsi solo dalla tarda nottata successiva. L’instabilità raggiungerà la Sardegna, la Toscana l’Umbria e il Lazio, con cieli generalmente nuvolosi o molto nuvolosi, a cui si assoceranno delle piogge e dei rovesci sparsi, che risulteranno maggiormente diffusi tra la Toscana e il Lazio settentrionale, dove sarà alto il rischio di vedere dei fenomeni temporaleschi, con attività elettrica e colpi di vento. A partire dalla serata le nubi tenderanno ad aumentare solo su Campania e Molise, con qualche piovasco sparso pronto ad interessare le coste campane dalla serata/notte successiva. Ancora ampi rasserenamenti sulle restanti regioni del sud e sulla Sicilia, malgrado il passaggio di velature sparse.

41TEMPERATURE

Sono previste in diminuzione, anche significativa, sulle regioni settentrionali, e da domenica anche fra Sardegna e regioni centrali. Solo sulle regioni meridionali continueranno a registrarsi temperature massime decisamente sopra le medie del periodo, con picchi di oltre +27°C +28°C sulla Sicilia.

VENTI

Domani si disporranno dai quadranti meridionali su tutti i mari, con locali rinforzi da S-SE e da Sud sul medio-basso Tirreno a largo e arcipelago Toscano. Domenica la ventilazione tenderà a ruotare più da SO e O-SO, ad iniziare dal mar di Corsica, mar di Sardegna e Canale di Sardegna, per propagarsi nel pomeriggio anche al medio-alto Tirreno. Venti deboli-moderati da Sud e S-SE rimarranno attivi fra Ionio e Adriatico, con locali e temporanei rinforzi su Canale d’Otranto e Stretto di Messina. Dalla tarda serata raffiche da E-NE, anche piuttosto tese, si attiveranno sul golfo di Trieste e sulla costa della Dalmazia.

14MARI

Generalmente da poco mossi a mossi, con moto ondoso in ulteriore aumento domenica, fra mar di Corsica, mar di Sardegna, Canale di Sardegna e medio Tirreno, con lo sviluppo di onde di “mare vivo” sui 1.0-1.5 metri.

TENDENZA PER LA PROSSIMA SETTIMANA

Il sistema frontale nella giornata di lunedì scivolerà verso sud-est, interessando più da vicino le regioni centrale e meridionali, dove si verificherà un significativo peggioramento, con piogge e rovesci che investiranno i settori tirrenici di Campania, Calabria ed il nord della Sicilia. I venti dai quadranti occidentali, che faranno seguito al sistema frontale, porteranno aria temperata umida dal vicino Atlantico che ammasserà una diffusa nuvolosità lungo il versante occidentale dell’Appennino, favorendo la stura di piogge e rovesci. Sulle regioni settentrionali invece si assisterà ad un lieve miglioramento, con le prime schiarite fra Liguria, Piemonte e Lombardia. Le temperature caleranno anche sulle regioni meridionali, riportandosi in prossimità delle medie di stagione. Un po’ di fresco comincerà ad avvertirsi sulle regioni del centro-nord, durante le ore notturne e la prima mattinata.