Salute: “nanogabbie” con filamenti di Dna per incapsulare piccole molecole di farmaci e curare cellule malate

MeteoWeb

Golden gene in DNAUn nuovo studio firmato da un team di ricercatori della McGill University in Canada, descrive il sistema basato su “nanogabbie”costruite con filamenti di Dna per incapsulare piccole molecole di farmaci e  rilasciarle in risposta a specifici stimoli, con cui si potrebbero curare in futuro direttamente le cellule malate.  La ricerca, pubblicata online su ‘Nature Chemistry’, segna un passo avanti verso l’utilizzo di nanostrutture biologiche per la somministrazione di farmaci. Ma i risultati potrebbero anche aprire nuove possibilita’ per la progettazione di nanomateriali a base di Dna. Il team di scienziati e’ stato guidato da Hanadi Sleiman, professore di Chimica della McGill. Il Dna, spiegano gli esperti, trasforma le informazioni genetiche di tutti gli organismi viventi da una generazione a quella successiva. Ma fili di questo materiale possono essere anche utilizzati per costruire strutture su scala nanometrica (un nanometro e’ un miliardesimo di metro). Nei loro esperimenti i ricercatori hanno creato cubi di Dna, usando dei filamenti corti e li hanno modificati con molecole simili ai lipidi che possono agire come cerotti adesivi e si uniscono in una morsa all’interno del cubo di Dna, creando un nucleo in grado di contenere carichi come molecole di farmaci. I ricercatori hanno anche scoperto che due cubi possono essere attaccati insieme. Molte cellule malate, come le cellule tumorali, sovraesprimono alcuni geni. In una futura applicazione, spiegano gli autori dello studio, si puo’ immaginare un cubo di Dna che trasporta un carico di farmaco nell’ambiente della cellula malata, che innesca il rilascio della molecola. Il gruppo di Sleiman sta ora conducendo studi cellulari e su animali per valutare la fattibilita’ di questo metodo sulla leucemia linfatica cronica e sul cancro alla prostata, in collaborazione con ricercatori del Lady Davis Institute for Medical Research al Jewish General Hospital di Montreal.