Allerta Meteo, il bollettino e le mappe della protezione civile per il weekend: alto rischio di fenomeni estremi in tutt’Italia

MeteoWeb

Protezione_Civile_logoFenomeni intensi previsti da Nord a Sud, forte instabilità e fenomeni intensi specialmente sui settori tirrenici peninsulari: si preannuncia così il fine settimana che sta per iniziare, all’insegna di condizioni di spiccato maltempo a causa di un fronte perturbato di origine atlantica che già nelle prossime ore raggiungerà le nostre regioni nord-occidentali, per estendersi, da domani, all’intera Penisola. Sulla base delle previsioni disponibili e di concerto con le Regioni coinvolte, cui spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. L’avviso prevede dalle prime ore di domani, sabato 5 ottobre, precipitazioni diffuse a prevalente carattere di rovescio o temporale su Liguria e Toscana, in progressiva estensione nel corso della giornata ad Emilia Romagna, Umbria, Marche, Lazio, Sardegna e settori occidentali di Abruzzo e Molise. Dalla serata di domani, poi, rovesci e temporali interesseranno anche il sud del Paese a cominciare dalla Campania per estendersi, successivamente, anche a Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia.I fenomeni daranno luogo a locali grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

05102013_domani_d0IL BOLLETTINO PER DOMANI, SABATO 5 OTTOBRE 2013:

Precipitazioni:
– diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Toscana, Umbria occidentale e Lazio, con quantitativi cumulati da moderati ad elevati, fino a puntualmente elevati sui settori tirrenici della Toscana;
– diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, sul resto dell’Umbria e su Liguria, Appennino emiliano, Romagna, settori appenninici e settentrionali delle Marche, settori occidentali di Abruzzo e Molise e sulla Campania centro-settentrionale, con quantitativi cumulati da moderati a puntualmente elevati;
– sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, sui restanti settori di Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise e Campania, sui settori alpini e meridionali del Piemonte e su Valle d’Aosta, settori meridionali di Lombardia e Veneto, Puglia centro-settentrionale, settori settentrionali e tirrenici della Basilicata, settori tirrenici della Calabria centro-settentrionale e settori settentrionali della Sardegna, con quantitativi cumulati da deboli a puntualmente moderati;
– isolate, anche a carattere di rovescio, sul resto d’Italia, con quantitativi cumulati deboli.
Visibilità: nessun fenomeno significativo.
Temperature: massime in locale sensibile diminuzione al Centro-Nord.
Venti: forti da nord/nord-est con rinforzi di burrasca sulla Liguria centro-occidentale; localmente forti dai quadranti meridionali su Sardegna orientale, Sicilia occidentale e settori tirrenici centro-settentrionali; forti raffiche nei temporali.
Mari: molto mossi tutti i bacini occidentali; tendente a molto mosso l’Adriatico centro-settentrionale.

06102013_dopodomani_d0IL BOLLETTINO PER DOPODOMANI, DOMENICA 6 OTTOBRE 2013:

Precipitazioni:
– diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Emilia Romagna, Lombardia sud-orientale, Veneto meridionale, Campania meridionale, Basilicata tirrenica, Puglia meridionale, Calabria e Sicilia, con quantitativi cumulati da moderati a puntualmente elevati;
– sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, sui restanti settori di Lombardia, Veneto, Campania, Basilicata e Puglia e su settori pianeggianti, pedemontani e prealpini di Piemonte, Lombardia e Veneto, sulla Liguria, Toscana e Marche, con quantitativi cumulati puntualmente moderati;
– da isolate a sparse, localmente a carattere di rovescio, sul resto della penisola, con quantitativi cumulati generalmente deboli.
Visibilità: nessun fenomeno significativo.
Temperature: senza variazioni significative.
Venti: forti sud-orientali con raffiche di burrasca sulla Puglia e localmente sui settori adriatici centrali; forti nord-orientali sull’alto versante adriatico, con locali raffiche di burrasca sul settore emiliano-romagnolo.
Mari: molto mossi l’Adriatico, lo Ionio settentrionale, il Mar di Sardegna, il Mar Ligure settore di Ponente al largo e localmente il Canale di Sardegna e lo Stretto di Sicilia.