Allerta Meteo: temporali e forti venti di maestrale tra stasera e giovedì al centro/sud. Mappe e bollettino dell’aeronautica militare

/
MeteoWeb

02Il servizio meteorologico dell’Aeronautica militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia. Situazione: un flusso di correnti occidentali debolmente instabili interessano le regioni del centro sud specie quelle del versante tirrenico e sulla Sardegna. Tempo previsto fino alle 24 di oggi. Nord: estesa nuvolosita’ tipo medio-alta su tutte le regioni, inizialmente compatta su Liguria sulle coste dell’alto adriatico ove sara’ associata a deboli e residue piogge nel corso della mattinata specie su Liguria di levante e Friuli-Venezia Giulia. ampie schiarite sul Piemonte in estensione verso le aree pianeggianti orientali. Dalla sera un nuovo sistema nuvoloso si addossera’ al settore alpino occidentale, apportando nuove precipitazioni sulla Valle d’Aosta e sulla Liguria.
05Centro e Sardegna: cielo irregolarmente nuvoloso per nubi di tipo stratiformi su gran parte delle regioni tirreniche e sulla Sardegna, associate a deboli precipitazioni inizialmente sulle coste toscane e quelle laziali settentrionali in estensione successiva a tutta al regione. Temporanee aperture sulle restanti zone ma con prevalenza di velature anche estese. Dalla notte ulteriore aumento della nuvolosita’ sulle regioni tirreniche e sulla Sardegna con rovesci sull’alta Toscana e coste laziali. Sud e Sicilia: giornata caratterizzata da un graduale aumento della nuvolosita’ di tipo medio-alta stratiforme ad iniziare dalle zone occidentali; possibili deboli piogge durante la sera lungo le aree costiere tirreniche della Sicilia e dalla notte sulla Campania. Temperature: massime in aumento sulle regioni del nord e quelle del versante adriatico; in lieve flessione sulle regioni del medio e basso Tirreno. Venti: moderati occidentali, con locali rinforzi sulle regioni del versante tirrenico e sulle sue isole maggiori; deboli variabili al settentrione. Mari: mosso il Ligure, poco mossi i restanti bacini ma con moto ondoso in aumento sui mari ad ovest della penisola.

03Il servizio meteorologico dell’Aeronautica militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per la giornata di domani, mercoledì 16 ottobre. Nord: nuvolosita’ diffusa e compatta sulle zone alpine con associate precipitazioni limitate alle aree di confine, nevose comunque a quote elevate; poche nubi altrove salvo qualche addensamento basso al mattino sulla Pianura Padana. Nelle primissime ore possibilita’ di locali banchi di nebbia o foschie dense sulle zone pianeggianti di Piemonte, Emilia-Romagna e veneto, ma in rapido dissolvimento. Nel corso della giornata le nubi andranno attenuandosi anche sui settori alpini in genere con residue precipitazioni confinate alle estreme aree settentrionali di Valle d’Aosta e Piemonte. Centro e Sardegna: nubi irregolari sulle regioni adriatiche, inizialmente estese e stratiformi su quelle tirreniche con precipitazioni sparse, piu’ frequenti e localmente a carattere di rovescio sulla Toscana e sul basso Lazio; col passare delle ore parziali schiarite tenderanno a farsi strada da ovest, mentre le nubi si attarderanno su Lazio ed Abruzzo. Cielo in prevalenza poco nuvoloso per l’intera giornata sull’isola.
08Sud e Sicilia: copertura nuvolosa compatta e stratiforme sulle aree del versante tirrenico con precipitazioni deboli ma estese, localmente a carattere di rovescio di moderata intensita’; nuvolosita’ irregolare sulle restanti zone meridionali, con addensamenti in aumento nella seconda parte del giorno sulla puglia con piogge associate tra il pomeriggio e la serata. Parziali schiarite su Campania e Calabria a fine giornata. Temperature: minime in generale lieve aumento, piu’ marcato sul settore alpino occidentale; massime in lieve diminuzione al sud, in aumento al nord-ovest, stazionarie altrove. Venti: moderati occidentali sulle regioni tirreniche centrali e su quelle meridionali; moderati settentrionali sul medio adriatico; deboli occidentali sul resto del paese con locali rinforzi in Pianura Padana. Mari: da molto mossi ad agitati il Mare di Sardegna ed il Tirreno centro-meridionale; da mossi a molto mossi i restanti bacini.