Giovane incinta con tumore, l’appello di Angela: “vi prego, lasciatemi in pace”

MeteoWeb

49658_3Vi prego, lasciatemi in pace. Tutto questo clamore mediatico mi sta facendo solo male“. Angela Bianco, la 26enne affetta da una grave forma tumorale al cervello e che da settimane lotta per portare avanti la sua gravidanza, affida all’ANSA un appello: “Ho bisogno di tranquillita’, specie in questi giorni“. “Ho letto tante inesattezze, in questi giorni – spiega la giovane – Vorrei che chi scrive sui giornali capisse quanto male possano fare simili cose. In questi giorni ho bisogno di tranquillita’, vorrei essere lasciata in pace. Quando tutto sara’ finito, parlero’ io e spieghero’ a tutti quello che mi sta capitando, ma ora voglio che sia rispettato il mio bisogno di assoluta tranquillita‘”.
Cyber KnifeLe normali terapie antitumorali potrebbero infatti danneggiare irrimediabilmente il feto. L’unico strumento in grado di proteggere il bimbo che porta in grembo da 19 settimane e’ il “Cyber Knife“, che colpisce esclusivamente la massa tumorale, e che per Angela potrebbe rappresentare una vera e propria ancora di salvezza. Nei giorni scorsi Angela era stata ricoverata in una clinica privata di Bari dalla quale era stata dimessa senza poter usufruire della “Cyber Knife”. Il macchinario, infatti, non era autorizzato per il funzionamento a causa della assenza di collaudo.