Le previsioni meteo e le mappe dell’aeronautica militare per oggi e domani: tutti i dettagli

/
MeteoWeb

01Il Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia. Situazione: la perturbazione che interessa le regioni centro settentrionali italiane lentamente si sposta verso levante attenuandosi. Tempo previsto fino alle 24 di oggi: – al nord: nuvolosita’ diffusa tra Liguria di levante, Lombardia, Emilia-Romagna e Triveneto con associate precipitazioni anche temporalesche, inizialmente ancora intense sul Levante ligure e zone montane e pedemontane centro-orientali, ma con tendenza ad una generale e graduale attenuazione dei fenomeni nel corso del pomeriggio fino a divenire isolate verso fine giornata. Parzialmente nuvoloso su Valle d’Aosta, Piemonte e Ponente ligure con alternanza di schiarite ad annuvolamenti anche intensi con associate locali deboli precipitazioni; banchi di nebbia sulla pianura Padano-veneta, in parziale e temporaneo dissolvimento diurno. – al centro e Sardegna: sull’isola parzialmente nuvoloso con tendenza ad ampie schiarite; nuvolosita’ estesa su tutte le regioni peninsulari con nubi piu’ compatte tra Toscana, Umbria, Marche e Lazio, con associate piogge sparse anche temporalesche che risulteranno intense sulla Toscana settentrionale ma con tendenza ad attenuazione dei fenomeni nel corso del pomeriggio. Al mattino banchi di nebbia sulle pianure, nelle valli e lungo i litorali, in dissolvimento. – al sud e Sicilia: ad iniziali condizioni di cielo sereno fara’ seguito un generale aumento delle nubi medio-alte stratiformi che andranno ad interessare inizialmente la Sicilia occidentale e la Campania per poi estendersi al resto del sud rimanendo comunque poco significative; al mattino banchi di nebbia nelle valli e lungo i litorali del Molise, Campania, Puglia e Basilicata, in graduale dissolvimento. Temperature: minime in aumento al centro ed al nord, in genere stazionarie sul resto del territorio; massime in lieve aumento al nord-ovest, in diminuzione al centro e Sardegna, stazionarie al sud. Venti: deboli meridionali con rinforzi lungo le coste tirreniche centro-settentrionali e tra le due isole maggiori. Mari: poco mosso lo Ionio il basso Tirreno e l’Adriatico meridionale; generalmente mossi tutti i rimanenti mari.

03Il Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per la giornata di domani, venerdi’ 25 ottobre: – al nord: annuvolamenti irregolari sulle regioni occidentali con associate residue precipitazioni su Liguria centro-orientale, zone appenniniche dell’Emilia Romagna ed aree settentrionali di Piemonte e Lombardia; fenomeni che tenderanno gradualmente ad attenuarsi nel corso del pomeriggio mentre parziali schiarite si faranno strada da ovest ad iniziare dalla Valle d’Aosta; nubi poco consistenti sulle regioni orientali, localmente piu’ compatte sulle aree alpine e prealpine del Veneto con associate isolate piogge nella prima parte del giorno. – al centro e Sardegna: molte nubi su Marche, Umbria e Toscana con piogge su quest’ultima ma in fase di attenuazione gia’ nel corso della mattinata con successivo graduale diradamento delle nubi; annuvolamenti meno consistenti sulle restanti zone con schiarite anche ampie su Abruzzo, basso Lazio e Sardegna, salvo locali velature. – al sud e Sicilia: ad eccezione di velature, anche temporaneamente estese su Campania, Molise e zone occidentali della Sicilia, il cielo si presentera’ libero da nuvolosita’ significativa per l’intera giornata. Temperature: minime in lieve diminuzione su zone appenniniche del centro, sulla Sardegna e sul Trentino Alto Adige, stazionarie altrove; massime in lieve aumento al centro-nord, senza variazioni al sud. Venti: mediamente deboli dai quadranti meridionali al centro-sud, con rinforzi sulla Sicilia occidentale, sulla Sardegna e zone costiere del medio ed alto Tirreno, tendenti a ruotare da nord-est sulla Puglia; deboli di direzione variabile al nord. Mari: da mossi a molto mossi il mare ed il canale di Sardegna; da quasi calmo a poco mosso l’Adriatico meridionale; da poco mossi a mossi i restanti bacini con moto ondoso in attenuazione.