Salerno, 25 ottobre 1954: l’alluvione dimenticata, morirono 318 persone [VIDEO]

MeteoWeb

Quando si parla di disastri idrogeologici in Italia la memoria va subito al Vajont (9 ottobre 1963), o all’alluvione del Polesine (novembre 1951), o all’alluvione di Firenze del novembre 1966. Più recentemente si ricordano i disastri della Valtellina (1987) di Sarno e Quindici (maggio 1998), di Giampilieri (2008), e le alluvioni di Genova e Cinque terre (ottobre 2011). Tuttavia ci sono altri disastri di cui si è persa la memoria, e che hanno contributo a creare lentamente (troppo lentamente) la consapevolezza che per ridurre i morti da alluvioni e frane, bisognava muoversi anche in campo legislativo.

Era il 25 ottobre 1954 quando una delle più gravi alluvioni della storia recente d’Italia colpiva l’area campana di Salerno e della Costiera Amalfitana. Centinaia di millimetri di acqua caddero sull’area, con picchi di 500 mm. Vietri sul Mare, Cava de’Tirreni, Maiori, Salerno: questi furono i luoghi maggiormente devastati. Ci furono frane, case spazzate via, ponti crollati e ferrovie interrotte in più punti. Una enorme frana si staccò da una montagna recentemente disboscata e spazzò via il villaggio di Molina ed un antico ponte. Venne parzialmente distrutta Maiori, e per l’ingente apporto di detrito dalle alture dell’interno cambiò la linea di costa.  Il bilancio delle vittime fu gravissimo: 318 morti, 250 feriti e oltre 5.000 senza tetto.

Troppi morti e troppi disastri sarebbero però ancora dovuti accadere perché qualcosa si muovesse anche in campo legislativo. Erano gli anni del boom economico e l’espansione edilizia marciava a ritmi serrati, senza minimamente prendere in considerazione l’assetto del territorio. Gli argini fluviali venivano incanalati dal cemento per aumentare le zone edificabili, i ponti costruiti con luce troppo ridotta diventavano tappi in caso di piene, il disboscamento dissennato aumentava le frane, e l’estrazione di inerti dagli alvei fluviali per formare il calcestruzzo con cui venivano tirate su le periferie delle città italiane, creava gravi squilibri nel reticolo idrografico.

Del resto, si sarebbe dovuto attendere il 1989, con l’approvazione della Legge 183/89 in materia di difesa del suolo, perché a livello legislativo si cominciasse a muovere qualcosa in materia di pianificazione territoriale.